Castello di Clos Lucé, Amboise, Francia

Il castello del Clos Lucé (o semplicemente Clos Lucé) è un piccolo castello nella città di Amboise, in Francia. Originariamente progettato nel 1471 come ex roccaforte sotto il castello di Amboise, passa in diverse mani prima di essere acquistato da Carlo VIII e diventare una residenza estiva dei re di Francia. Conserverà questa funzione fino al 1516, quando Francesco I lo mette a disposizione di Leonardo da Vinci, che vivrà lì per tre anni, fino alla sua morte, il 2 maggio 1519.

Clos Lucé si trova a 500 metri dal castello reale d’Amboise, a cui è collegato da un passaggio sotterraneo. Costruito da Hugues d’Amboise a metà del XV secolo, fu acquistato nel 1490 da Carlo VIII di Francia per sua moglie, Anna de Bretagne. In seguito, è stato usato da Francis I, così come sua sorella Marguerite de Navarre, che ha iniziato a scrivere il suo libro dal titolo L’Heptaméron mentre viveva lì.

Nel 1516, il re Francesco I di Francia invitò Leonardo da Vinci ad Amboise e gli fornì il Clos Lucé, allora chiamato Château de Cloux, come luogo di soggiorno e di lavoro. Leonardo, un famoso pittore e inventore, arrivò con tre dei suoi dipinti, vale a dire la Gioconda, Sainte Anne e Saint Jean Baptiste. Leonardo visse al Clos Lucé negli ultimi tre anni della sua vita e vi morì il 2 maggio 1519.

Oggi Clos Lucé è un museo di Leonardo da Vinci che riflette la prestigiosa storia della regione e comprende quaranta modelli delle varie macchine disegnate da Leonardo. Il Château du Clos Lucé è oggi un luogo di interpretazione, conoscenza e sintesi che mira a consentire al grande pubblico di scoprire il mondo di Leonardo da Vinci. Il museo include anche una copia della Gioconda, dipinta da lui stesso. ”

Storia
Dal Medioevo al Rinascimento
Durante il Medioevo (1214 – 1417) il dominio appartiene alla famiglia Amboise, che ha dato la terra di Cloux come un dono all’ordine religioso cistercense di Moncé, un’abbazia fondata a Limeray, sotto la protezione dei signori di Amboise.

La saga di questo dominio in pietra rosa e pietra da taglio, costruita su fondamenta gallo-romane, inizia sotto il regno di Luigi XI, nel 1471. Dato dal re al suo favorito Etienne le Loup, un uomo di cucina nobilitato, lo Château du Cloux era circondato da mura fortificate. Il posto è poi acquistato da Carlo VIII il 2 luglio 1490 per diventare la residenza estiva dei re di Francia.

Il re trasforma la fortezza in un castello da diporto e costruisce un oratorio, vero gioiello dell’architettura gotica, per sua moglie, la regina Anna di Bretagna. Il giovane duca di Angoulême, futuro re Francesco I, trascorre molto tempo in questo castello.

Alla fine del XVII secolo, lo Château du Clouxis battezzò Château du Clos Lucé. È recuperato dalla famiglia Amboise che lo salva dalla distruzione durante la rivoluzione e poi, nel 1854, entra a far parte della famiglia Saint Bris.

Nel 1471, il re Luigi XI dà il dominio di Cloux, conosciuto oggi come il castello di Clos Lucé, a un ex ragazzo di cucina nobilitato di nome Etienne le Loup. Costruì il castello del Clos Lucé con mattoni e pietra da taglio, nonché una delle colombaie più belle della Francia, rimasta intatta fino ad oggi. Dentro sentirai lo sbattere dei mille uccelli che ha usato per riparare.

Nel 1490, il Clos Lucé diventa la residenza estiva dei re di Francia. Carlo VIII chiede che venga costruita una cappella per la sua giovane moglie, la regina Anna de Bretagne, che viene a piangere la perdita dei suoi figli piccoli. La cappella è decorata con quattro affreschi, tra cui l’Annunciazione, dipinta dagli allievi di Leonardo. La Vergine della luce, «Vergine Lucis», sopra la porta, potrebbe aver dato al sito il suo nome attuale: Château du Clos Lucé.

Nel 1516-1519, il re Francesco I e la Louise de Savoie invitano Leonardo da Vinci ad Amboise.

Re Francesco I, appassionato del talento di Leonardo da Vinci, lo nomina “Primo pittore e ingegnere e architetto del re” e gli offre il piacere del castello di Clos Lucé, situato a pochi metri dal castello di Amboise. gli archivi nazionali a Parigi possiedono un certificato di pagamento che menziona la pensione da Francesco I a Leonardo da Vinci «Per padroneggiare Lyenard de Vince, pittore italiano, la somma di 2000 ecussoleil, per la sua pensione di due anni».

Leonardo trascorre gli ultimi tre anni della sua vita al castello di Clos Lucé e lavora a diversi progetti per il re di Francia, circondato dai suoi studenti. Accoglie visitatori prestigiosi come il cardinale di Aragona, grandi uomini del regno, ambasciatori italiani e colleghi artisti presenti nella corte del re, come Domenico da Cortona, noto come il futuro architetto di Boccador e Chambord.

Un passaggio sotterraneo tra i due castelli consente agli uomini di incontrarsi frequentemente. Oggi, solo i primi metri sono ancora visibili.

Dopo un affascinante rapporto tra Leonardo da Vinci e tre re francesi (Carlo VIII, Luigi XII e Francesco I), il Maestro italiano scompare il 2 maggio 1519 nella sua stanza al Château du Clos Lucé.

Leonardo da Vinci al Castello di Clos Lucé
Nel 1516, all’età di 64 anni, Leonardo da Vinci lasciò Roma, attraversò l’Italia, portando nelle sue cartelle di cuoio tutti i suoi quaderni di disegni e tre famosi dipinti: La Gioconda, La Vergine, Gesù bambino e Sant’Anna e San Giovanni Baptiste. Questi tre dipinti sono ora conservati nel Museo del Louvre. I suoi discepoli Francesco Melzi e Salai lo accompagnano in Francia, così come il suo servitore, Batista de Vilanis. Secondo Benvenuto Cellini, il re gli dà una pensione di 700 corone d’oro, che paga anche per le opere che completa, e mette a sua disposizione il castello di Clos Lucé. Lo chiama “Primo pittore, ingegnere e architetto del re” 8. Al Castello di Clos Lucé, Leonardo da Vinci è molto prolifico. Lavora su molti progetti: organizza le feste di corte ad Amboise, progetta progetti per la città ideale di Romorantin e la doppia rivoluzione scalinata Chambord9. Prevede di collegare la Valle della Loira a Lione con un sistema di canali. È considerato uno dei migliori pittori del suo tempo.

Il 10 ottobre 1517, Leonardo da Vinci riceve la visita del cardinale Luigi d’Aragona. Il suo segretario Antonio de Beatis, descrive questa visita nel suo Itinerario:

“Messer Leonardo da Vinci, oltre 70 anni, eccellente pittore del nostro tempo, che ha esposto tre dipinti a nostra signoria, uno di una signora fiorentina, fatta al naturale, su richiesta del defunto Magnifico Julien II, un altro di San Giovanni il giovane battista e la Vergine col Bambino, che sono in ginocchio a Sant’Anna, tutti e tre sono di rara perfezione, è vero che a causa di una paralisi della mano destra, non possiamo aspettare un capolavoro da parte sua.

Il 19 giugno 1518, Leonardo da Vinci organizza una festa al Château du Clos Lucé per ringraziare il re per i suoi benefici. Riprende alcune delle idee che Leonardo da Vinci usò per la Festa del Paradiso a Milano, il 13 gennaio 1490 (Festa del paradisio, opera del poeta Bernardo Bellincioni (in)). Un meccanismo evoca la corsa delle stelle: una capitale è stata eretta e una tela dipinta di blu è stata eretta, rappresentando la volta celeste con i pianeti, il sole, la luna ei dodici segni dello zodiaco.

L’ambasciatore Galeazzo Visconti riferì in una lettera che “il Re Cristiano fece un banchetto in una mirabile celebrazione […]. Il posto era il Cloux, molto bello e grandioso, la corte era coperta di lenzuola blu cielo, poi c’erano i pianeti principali, il sole da una parte e la luna dalla parte opposta […]. C’erano 400 candelabri con due rami e così illuminati che sembrava che la notte fosse portata via.

Leonardo da Vinci morì nella sua camera da letto nel castello di Clos Lucé il 2 maggio 1519, lasciandogli i manoscritti, i quaderni e gli schizzi del suo amato discepolo, Francesco Melzi. La scena inventata in cui il pittore morì tra le braccia di Francesco I fu oggetto di numerosi dipinti, tra cui La morte di Leonardo da Vinci Jean-Auguste-Dominique Ingres, ora conservato al Petit Palais.

Dal Rinascimento ai giorni nostri
Dopo la morte di Leonardo da Vinci, Louise de Savoie prende possesso dei locali. Philibert Babou La Bourdaisière e sua moglie, soprannominata la bella Babou (una delle preferite di Francesco I), risiedeva lì dal 1523. Michel de Gast, capitano delle guardie di Enrico III, che partecipò all’assassinio del cardinale di Guisa diventa il proprietario del Domaine du Clos Lucé nel 1583.

Il castello ritorna poi alla casa di Amboise nel 1632, dal matrimonio di Antoine d’Amboise con la nipote di Michel de Gast. Durante la Rivoluzione Francese, il castello è riuscito a scampare per lo più a saccheggiare grazie all’opposizione di Henri-Michel d’Amboise. Il castello rimane nella famiglia di Amboise fino al 1832. Come casa di Leonardo da Vinci, è oggetto di una classificazione come monumenti storici dalla lista del 1862.

Il castello è di proprietà della famiglia Saint Bris il 30 luglio 1855. Hubert Saint Bris decide di aprirlo al pubblico nel 1954.

Descrizione del castello oggi
Il castello si trova nel cuore di un parco di 7 ettari attraversato dall’Amasse, un piccolo affluente della Loira. La facciata, in mattoni rosa e pietre bianche, non è cambiata dal Rinascimento18. Un vecchio passaggio pedonale rimane del tempo. Nel castello, scopriamo la stanza di Leonardo da Vinci, la sua cucina, la sala del consiglio, l’oratorio di Anna di Bretagna e la stanza di Marguerite de Navarre. La stanza in cui morì Leonardo da Vinci e la camera di Marguerite de Navarre, restaurata nel 2011 e decorata con mobili e oggetti d’epoca, sono al primo piano.

Nel 1492, il re Carlo VIII costruì per sua moglie l’oratorio di Anna di Bretagna, tufo in pietra a cappella gotica. L’oratorio è decorato con murales realizzati successivamente dai discepoli di Leonardo da Vinci: un’Annunciazione, un Giudizio Universale e una Vergine della Luce, chiamata Vergine Lucis, situata sopra la porta, che avrebbe dato il suo nome a Clos Lucé.

Quaranta modelli realizzati da IBM secondo i disegni di Leonardo da Vinci sono presentati in quattro stanze del seminterrato. Le animazioni 3D sono anche presentate nelle stanze modello. Permettono di capire il funzionamento delle invenzioni di Leonardo e vederli prendere vita.

Troviamo nel parco una colombaia costruita nel XV secolo da Estienne le Loup, ufficiale giudiziario di Amboise. La colombaia ospitava mille nicchie per i piccioni. Un percorso culturale è stato allestito nel 2003 nel parco di Château du Clos Lucé da Jean Saint Bris, con campane sonore e 20 macchine giganti ispirate ai suoi schizzi. Un giardino presenta il lavoro di Leonardo sulle piante, così come un ponte a due livelli, realizzato da uno schizzo dell’artista.

Esposizione:
Affrontando i giovani artisti del Rinascimento italiano, Raffaello e Michelangelo, nell’autunno 1516, Leonardo da Vinci accetta l’invito del re a 64 anni e viaggia attraverso le Alpi sul dorso di un mulo con alcuni dei suoi allievi, tra cui Francesco Melzi e Battista de Villanis il suo fedele servitore milanese. Porta anche con sé i suoi dipinti più importanti: la Gioconda, la Vergine col Bambino e San Giovanni Battista, nonché i suoi appunti, schizzi e manoscritti, raccolti successivamente nel codice, oggi diffusi in tutto il mondo.

Codice Arundel, Londra, British Library
Codice Atlantico, Milano, Biblioteca Ambrosiana
Codex Forster, Londra, Victoria and Albert Museum
Codex Trivulzianus, Milano, Castello Sforzesco
Codice di Madrid, Madrid, Biblioteca Nacional
Codice di Torino, o Codice sul volo degli uccelli, Torino, Biblioteca Reale
Manoscritti A, B, C, D, E, F, G, H, I, K, L, M, Parigi, Institut de France
Codex Leicester, collezione privata di Bill Gates

L’enigmatico sorriso della Gioconda arriva allo Château du Clos Lucé

Secondo un resoconto del segretario del cardinale di Aragona, che visitava il castello di Clos Lucé, videro “la pittura di una donna fiorentina, fatta di vita, su istanza di Giuliano de ‘Medici”. Dipinto tra il 1503 e il 1514, questo lavoro è un esempio della famosa tecnica dello sfumato di Leonardo da Vinci, in cui i bordi sono sfocati e ammorbiditi.

Camere:
La camera da letto di Leonardo si affacciava sullo Château Royal d’Amboise. Fu in questa casa che scrisse la sua volontà, lasciando i suoi manoscritti e quaderni di disegni e schizzi al suo amato discepolo Franceso Melzi. Morì nella sua camera da letto il 2 maggio 1519.

La camera da letto di Marguerite de Navarre, la sorella maggiore di Francis I, è stata completamente restaurata e arredata in stile cinquecentesco. Il suo ritratto di François Clouet, pittore ufficiale del re, è esposto in una delle vetrine.

L’oratorio di Anna di Bretagna, moglie di Carlo VIII, è decorato con quattro affreschi, tra cui una dell’Annunciazione dipinta da discepoli di Leonardo. Sopra la porta, la Vergine della Luce, Virgo Lucis, è stata ritenuta l’ispirazione per il nuovo nome del castello: Le Clos Lucé.

Al piano terra dell’edificio, trova i laboratori viventi di Leonardo Da Vinci. Scopri l’atmosfera delle bottega tipiche del Rinascimento nello studio dell’artista. Nella biblioteca, i facsimili dell’Institut de France e i testi antichi sono allineati accanto a un sorprendente cofanetto di curiosità. Spazzato via, viene proiettata una produzione audiovisiva che utilizza la “tecnologia fantasma”.

In questa casa d’artista, dal suo laboratorio, Leonardo da Vinci pensa, inventa e concepisce richieste regali:

La città ideale di Romorantin destinata a diventare la capitale del regno.
La scala a doppia elica del castello di Chambord che ha ispirato.
Una rete di chiuse e canali che collegano la Val de Loire a Lione, per un accesso più rapido all’Italia.
Il prosciugamento delle paludi di Sologne
La messa in scena per le spettacolari celebrazioni reali, immagina molti automi come il “Leone dei fiori sputi di Lys”.
Case mobili per la corte itinerante.

«Perché la zuppa si sta raffreddando, etcaetera. »Questa frase sarebbe stata trovata in uno degli scritti di Leonardo. Immagina di entrare nella cucina immutata e vedere Leonardo riscaldarsi accanto al camino in pietra alta mentre Mathurine, il suo servitore di Tours, prepara il suo pasto vegetariano.

Leonardo ha una nutrizione sana, secondo lui «la sobrietà, i pasti sani e un sonno adeguato ti manterranno in buona salute».

Le quattro sale per i visitatori nel seminterrato offrono una panoramica completa della conoscenza dell’ingegnere Leonardo da Vinci. Animazioni 3D e 40 modelli mostrano la vasta gamma di intuizioni ingegneristiche di Leonardo da Vinci: aeroplano, automobile, elicottero, serbatoio e altro.

Giardino:
Uomo autodidatta, Leonardo da Vinci è uno dei primi a inventare la scienza sperimentale. Elabora un nuovo modo di apprendere, lontano dai suoi libri, osservando la natura e trovando le sue risposte in essa.

A Le Clos Lucé, il giardino di Leonardo è stato immaginato allo stesso modo: tutte le risposte alle domande sul Maestro sono qui, accessibili a bambini e adulti.

Gli alberi, le piante e persino l’acqua in movimento descritta nel codice e nei dipinti tornano in vita in questo giardino dedicato alla natura. Rocce, grotte, ruscelli, cascate, effetti nebbiosi che ricordano la tecnica dello sfumato … Qui, anche i più piccoli dettagli del suo lavoro sono riportati in vita.

Cammina intorno allo stagno circondato da pini secolari, cipressi e tassi italiani. Lì ammirerai madonna, gigli gialli, violette cornute, ontani europei, ciclamini e, naturalmente, la famosa Mona Lisarose.

Come diceva Leonardo: «È tutto qui. »

Questo straordinario museo all’aperto nasce grazie alla concorrenza di una ricerca durata due anni su un corpus di scienza che raccoglie tutto il lavoro di Leonardo da Vinci sulla natura.

Parco Leonardo da Vinci:
Nel Parco Leonardo da Vinci, sperimenta l’universo creativo del Maestro
Mentre cammini, incontri l’ingegnere Leonardo, il visionario Leonardo e il pittore e architetto Leonardo. Nel parco, salire a bordo del carro d’assalto, azionare la vite aerea, manipolare il cannone a canna multipla, navigare sulla barca a remi e camminare sul ponte girevole e sul ponte a doppia campata alto venti metri, tutti realizzati in modo originale. Poiché i modelli sono le dimensioni reali, offrono un’esperienza autentica a bambini e adulti. Guarda le quaranta tele traslucide sospese sugli alberi, ciascuna alta tre o quattro metri.

Scopri i volti luminosi, i corpi splendidi, i meccanismi della vita, i progetti tecnici della città ideale … Lascia che la voce di Jean Piat, della ComédieFrançaise, ti guidi mentre interpreta il ruolo del Maestro durante la tua visita.

Il parco Leonardo da Vinci è un viaggio unico tra le opere del genio.

Tags: