Casa Batlló, Barcelona, ​​Spagna

La Casa Batllo è un edificio progettato dall’architetto Antoni Gaudi, il massimo rappresentante del modernismo catalano, tra il 1904 e il 1907 si trova al numero 43 del Passeig de Gràcia a Barcellona, ​​l’ampio viale che attraversa il quartiere modernista dell’Eixample. Fu commissionato da Josep Batlló i Casanovas, un uomo d’affari tessile legato dal matrimonio alla famiglia Godó. La sua parte più nota è la facciata, considerata una delle opere più creative e originali dell’architetto; combina pietra, ferro battuto, vetri rotti e ceramiche policrome.

Gaudí ha avuto per la sua costruzione la collaborazione degli architetti Josep Maria Jujol e Joan Rubió i Bellver per la realizzazione della facciata, con gli artigiani della fucina tedesca Badia, i falegnami Casas e Bardés, il ceramista Sebastià Ribó e Josep Pelegrí (macchiato produttore di vetro).

Casa Batlló è un riflesso della pienezza artistica di Gaudí: appartiene al suo periodo naturalistico (primo decennio del XX secolo), periodo in cui l’architetto ha perfezionato il suo stile personale, traendo ispirazione dalle forme organiche della natura, per la quale ha messo in mettere in pratica tutta una serie di nuove soluzioni strutturali originate dalle analisi approfondite di Gaudí sulla geometria rigata. A questo l’artista catalano aggiunge una grande libertà creativa e una fantasiosa creazione ornamentale: partendo da un certo stile barocco, le sue opere acquistano grande ricchezza strutturale, di forme e volumi privi di rigidità razionalista o di qualsiasi premiseclassico.

Sembra che l’obiettivo del designer fosse quello di evitare completamente le linee rette. Gran parte della facciata è decorata con un mosaico fatto di piastrelle di ceramica rotte (trencadís) che inizia in tonalità di arancio dorato che si spostano in blu verdastri. Il tetto è ad arco ed è stato paragonato al dorso di un drago o di un dinosauro. Come tutto ciò che Gaudí ha progettato, Casa Batlló è identificabile solo come Modernismo o Art Nouveau nel senso più ampio del termine. Il piano terra, in particolare, presenta insoliti trafori, finestre ovali irregolari e scorrevoli lavori in pietra scolpita. Ci sono poche linee rette e gran parte della facciata è decorata con un mosaico colorato fatto di piastrelle di ceramica rotte (trencadís). Il tetto è ad arco ed è stato paragonato al dorso di un drago o di un dinosauro. Una teoria comune sull’edificio è che la caratteristica arrotondata a sinistra del centro, che termina in alto con una torretta e una croce, rappresenta la lancia di San Giorgio (patrono della Catalogna, casa di Gaudí), che è stata immersa nella parte posteriore del drago.

Il nome locale dell’edificio è Casa dels ossos (Casa delle ossa), poiché ha una qualità organica viscerale e scheletrica. L’edificio sembra davvero notevole, come tutto ciò che Gaudí ha progettato, identificabile solo come Modernismo o Art Nouveau nel senso più ampio del termine. Il piano terra, in particolare, è piuttosto sorprendente con trafori, finestre ovali irregolari e fluenti lavori in pietra scolpita.

sfondo
L’inizio del XX secolo è stato caratterizzato dalla situazione sociale ed economica generata dalla perdita delle colonie spagnole nel 1898, che ha portato a un declino a breve termine per l’economia spagnola, e in particolare catalana. La perdita di Cuba si tradusse in un rimpatrio del capitale catalano investito nell’isola e consentì investimenti nel Principato, con una crescita del 2,2%, piuttosto bassa rispetto al 1898, che era stata del 5,5%. Il principale mercato estero sono diventati gli USA, con una quota di mercato del 72%; pertanto la crescita annuale dell’industria è stata inferiore a quella della fine del secolo xix, quando il mercato coloniale era disponibile. La crisi dal 1908 al 1912 fu dovuta alla massima dipendenza dall’esterno, poiché occorreva importare cotone, macchine e fonti di energia.

Il Passeig de Gràcia dovrebbe essere un asse determinante nel processo di restauro del progetto Eixample di Cerdà, e tra il 1860 e il 1890, camminarci intorno per definire una zona residenziale a bassa densità composta in gran parte da edifici case unifamiliari, grandi palazzi con giardini, palazzi, come il Sama, il Robert, il Palau Marianao o la famiglia Marcet, oggi sede del Cinema Comèdia. Negli anni Novanta, tutto questo settore della città acquisì gradualmente un rilievo commerciale che attirò la borghesia e portò alla sostituzione delle case unifamiliari con condomini. Lo stesso Gaudí aveva partecipato alla decorazione di due negozi sul lungomare: la Farmacia Gibert e il Bar Torino, entrambi scomparsi.

Tra il 1900 e il 1914 Passeig de Gràcia si è consolidato come il principale centro residenziale borghese. La fermata che si era aperta nel 1902, all’incrocio con Carrer d’Aragó, permetteva ai passeggeri che arrivavano in treno di avere una fermata più centrale rispetto alla Estació de França. Nel 1904, in coincidenza con il completamento dei lavori della Casa Batlló, il re Alfonso XIII visitò Barcellona e la Gioventù monarchica, di cui era presidente Josep Maria Milà i Camps, decise che il posto migliore per riceverlo era la passeggiata alla moda tra i ricchi famiglie. Quando Alfonso XIII vide il lungomare rimase sbalordito e in una visita successiva avrebbe detto che “Madrid è molto bella, ma Barcellona la supera in due cose: il Tibidabo e il Passeig de Gràcia”.

Tra il 1905 e il 1906 la pista fu trasformata quando finalmente si misero i ciottoli a piedi, i tram furono spostati sulle strade laterali e si stabilirono le note sponde-lanterne di Peter Falqués. Josep Puig i Cadafalch aveva già costruito la Casa Amatller (1900) e nella stessa sezione l’architetto Lluís Domènech i Montaner aveva completato la trasformazione della Casa Lleó Morera all’angolo con Carrer del Consell de Cent. Con questa ristrutturazione vinse il concorso annuale di edilizia artistica del 1906. E mentre questi architetti e le loro opere producevano un’attrazione e un segno di distinzione tra i loro clienti, l’isola fu criticata dalla stampa satirica. Il popolare soprannome di “mela della discordia” definiva proprio la rivalità tra gli architetti e, soprattutto, le loro facciate. Quando Gaudí dovette risolvere il compito, sapeva già cosa avevano fatto gli altri. In effetti, la presenza dell’architetto più sorprendente di tutti è stato l’elemento che ha causato questo nome.

La lotta tra i più famosi architetti dell’epoca attirò molti altri borghesi che volevano avere la casa sul lungomare alla moda. Nel 1906 i Malagrida, che commerciavano con l’Argentina, fecero costruire un edificio con una cupola al numero 27, opera del capomastro Joaquim Codina i Matalí. Sagnier costruì la casa della famiglia Mulleras accanto alla casa Amatller, mentre nel 1905 la vedova Marfà portò a termine l’opera in stile medievale che aveva commissionato a Manuel Comas all’angolo con Carrer de València. Il forte impulso della borghesia barcellonese fu fondamentale per lo sviluppo e l’espansione del movimento modernista che terminò in Europa intorno al 1905, mentre in Catalogna durò un altro decennio. D’altra parte, nel resto della Spagna il movimento non ha avuto praticamente eco,

La rivista di Madrid Nuevo Mundo del 14 febbraio 1907 descriveva il lavoro degli architetti modernisti catalani: “Nonostante non abbia ancora raggiunto la perfezione o almeno la giusta conciliazione di ciò che è bello, armonioso e utile, o che ancora costituisce le loro opere una visione chiara e precisa di un’arte a sé stante, è foriera di abbondanti attitudini per raggiungere questo glorioso traguardo di cui può essere considerato il più vicino al pittoresco e audace Gaudí. In risposta, l’Illuminismo catalano pubblicato il 10 marzo 1907: «Gli stessi spagnoli iniziano arrendersi alla realtà e affrontare e commentare, anche se con molta leggerezza, le opere di Domènech, Puig i Cadafalch, Sagnier, Gaudí e tanti altri ».

Architetto
Antoni Gaudí i Cornet (1852-1926) è stato un architetto catalano riconosciuto a livello internazionale come uno dei geni più importanti della sua disciplina. Fin dall’infanzia Gaudí fu un attento osservatore della natura, le cui forme, colori e geometrie lo attraevano. Ha lavorato per conto di clienti privati ​​per creare le sue dimore private come Casa Vicens o Palau Güell, ma alcuni dei suoi clienti, membri della borghesia emergente all’inizio del secolo, gli hanno commissionato edifici plurifamiliari, tre dei quali in Barcellona: la casa Calvet, Casa Batlló e Casa Milà. L’evoluzione del lavoro di Antoni Gaudí parte dagli inizi del gotico per trascendere e abbandonare il neogotico e creare un’opera del suo stile essenziale per l’architettura moderna ed è considerata il principale esponente del modernismo catalano. Le componenti geometriche e strutturali giocano un ruolo centrale nel suo lavoro. La Sagrada Família, La Pedrera, Parc Güell, Colònia Güell e Casa Batlló rappresentano figure chiave dell’architettura modernista a Barcellona.

Gaudí eccelleva nell’uso di tutte le arti applicate per la decorazione dei suoi edifici e nel recupero per l’ornamento del vecchio mosaico trasformato da Gaudí in trencadí, trasformato in una nuova tecnica. Ha esibito un importante scambio di valori strettamente associati alle correnti culturali e artistiche del suo tempo, rappresentate nel Modernismo catalano. Anticipò e influenzò molte delle forme e delle tecniche che avrebbero influenzato lo sviluppo della moderna costruzione nel XX secolo. L’opera di Gaudí rappresenta il genio dell’architetto, esprimendo particolari qualità spaziali e la plasticità delle linee ondulate e l’armonia dei colori e dei materiali, sia nelle strutture architettoniche che negli elementi scultorei.

Els Batlló
Josep Batlló i Casanovas (? – Barcellona, ​​10 marzo 1934), era un uomo d’affari tessile, figlio di Feliu Batlló Masanella e Josefa Casanovas i Duran, che aveva due fratelli: Thomas e l’Alejo. Si sposò il 14 maggio 1884 con Amàlia Godó Belaunzarán, figlia di Bartomeu Godó i Pié, un politico attivo del Partito Liberale e uomo d’affari, membro del parlamento di Igualada e membro della famiglia dei fondatori del quotidiano La Vanguardia e il Dio dell’industria della iuta.

La celebrazione del matrimonio dei due giovani della borghesia catalana di fine Ottocento è iniziata con l’addio al celibato dello sposo al “Restaurante de Francia” in Plaza Real n. 12, fondata da Msr. Justin, un fatto che è stato raccolto dalla stampa. Il 17 luglio 1901, José M. Llaudet Bou, S. in C. de C. de Sant Joan de les Abadesses entrò come socio nel nome della società, con un capitale iniziale di 325.000 pesetas. Il suo socio fondatore era Josep Maria Llaudet Bou. Il padre di Josep Batlló, Feliu Batlló i Massanella, era un produttore tessile catalano con diverse fabbriche. Questo ramo familiare dei Batllós non era, tuttavia, direttamente collegato ai proprietari del vecchio Vapor Batlló, né di Can Batlló (Carrer Urgell), ora Scuola Industriale di Barcellona, ​​che furono creati dal ramo Olot dei Batllós.

Oltre all’attività tessile era strettamente legato a La Vanguardia, a causa del suo rapporto familiare come cugino politico di Ramón Godó i Lallana, primo conte di Godó. Morì a Barcellona il 10 marzo 1934.

Storia della costruzione

Edificio precedente
Casa Batlló è il risultato della ristrutturazione totale di una vecchia casa convenzionale costruita su ordinazione da Lluís Sala Sánchez nel 1875 dall’architetto Emili Sala i Cortés, lo stesso che ha costruito la casa di Emília Adrià, proprio a lato, all’angolo con Carrer d’Aragó e che, con modifiche, è ancora conservato. Era un edificio senza caratteristiche speciali all’interno dell’eclettismo tradizionale della fine del XIX secolo. Nel 1900 la tenuta fu acquistata da Josep Batlló. Si pensa che a questo punto in precedenza ci fosse una casa colonica perché nel seminterrato c’era una grotta usata come refrigeratore e che Gaudí voleva preservare.

Sala i Cortés è stato l’autore della casa Elizalde e della casa Emilia Carles (ora hotel Ducs de Bergara) e di splendide ville estive a La Garriga. Era imparentato con Gaudí quando era il suo professore alla Scuola di Architettura di Barcellona e anche perché lo aveva assunto occasionalmente come disegnatore.

Progetto di riforma
Il progetto di riforma è stato commissionato da Josep Batlló e sua moglie Amàlia Godó Belaunzarán, che hanno richiesto una licenza il 7 novembre 1904. Un altro ramo della famiglia Batlló aveva precedentemente commissionato altre case a Josep Vilaseca i Casanovas. In particolare, Casa Pia Batlló sulla Gran Via e Rambla de Catalunya, Casa Àngel Batlló in Carrer de Mallorca 253-257 e Casa Enric Batlló al numero 259-263 sulla stessa strada all’angolo con Passeig de Gràcia, tutte eclettiche stile con elementi di estetica modernista. Ma Josep Batlló ha voluto distinguersi e ha scelto Antoni Gaudí, l’architetto innovativo del Comte Güell e vincitore della prima edizione del concorso annuale per edifici artistici con Casa Calvet, nel 1900.

Il compito iniziale era demolire l’edificio e realizzarne uno nuovo; tuttavia, Gaudí convinse Batlló a mantenerlo e ad effettuare una trasformazione riformando solo la facciata. Alla fine l’intervento, però, è andato ben oltre, in quanto ha comportato una grande riorganizzazione degli spazi, con una maggiore ventilazione e illuminazione naturale, due piani aggiuntivi e il rimodellamento del solaio e del tetto. Tale trasformazione è passata dai 21 metri di altezza e 3.100 m all’attuale occupazione con un totale di 4.300 m con 450 m di superficie per pianta, un’altezza di 32 metri e 14,5 metri di larghezza. La ristrutturazione della facciata è stata l’oggetto iniziale della ristrutturazione e Gaudí l’ha sostituita interamente al piano terra e al primo piano con una struttura in pietra di Montjuïc dalle forme ondulate. Il resto è stato tritato per dargli una forma ondulata verticalmente.

Per progettare l’edificio l’architetto ha fatto alcuni piani, ma la sua formula progettuale si è concretizzata con un modello in gesso che ha creato con le proprie mani per ottenere le forme sinuose della facciata, un mezzo per spiegare la sua visione molto più pratica delle piante. Il lato sinistro del suo ultimo piano è arretrato, creando un’asimmetria rispetto al lato destro molto più squadrato. Gaudí ha deciso di scambiare una stanza all’ultimo piano con una terrazza per creare uno spazio speculare con i gradini della Casa Amatller. Il costruttore Josep Bayó ha narrato le parole di Gaudí: “Non faremo quello che pensava per non migliorare ciò che c’è accanto, di cui godremo anche noi. Qui una torre, là una tribuna…”. A destra conduceva al profilo della corona fino a trovare il tetto del vicino edificio (anche dell’architetto Emili Sala i Cortés), più in alto di quello a sinistra. Sfortunatamente, negli anni ’60, questo edificio è stato ricostruito con pochissimo rispetto per la Casa Batlló.

Il progetto fu fortemente contestato dalle autorità municipali dell’epoca e il Comune di Barcellona, ​​nell’aprile 1906, cioè due anni dopo la richiesta della licenza, ordinò l’interruzione dei lavori “per non avere il permesso”. Lungi dal fermare i lavori, che erano praticamente terminati, i proprietari hanno risposto poco dopo con la richiesta di autorizzazione per l’affitto degli appartamenti. Anche con la riforma completata, il Consiglio comunale non gli concesse il “permesso di costruire” fino a sette anni dopo, il 18 febbraio 1913. Il confronto con le autorità non finì qui, poiché Josep Batlló non liquidò il contributo al Tesoro fino al 1920 perché in disaccordo con la valutazione fatta dai tecnici del ministero e commissionò una controvalutazione al ‘,

Quando l’edificio fu praticamente finito, Pere Milà andò a trovare il socio di suo padre in un’azienda di canapa – Josep Batlló – quando il “Can Batlló” era in costruzione, fu d’accordo con Gaudí e gli assicurò che lo spettacolo successivo l’avrebbe fatto per lui.

Contributori
Gaudí aveva i suoi architetti ausiliari che già collaboravano con lui alla Sagrada Família, Francesc Berenguer i Mestres (1866-1914), suo assistente diretto, e Domènec Sugrañes i Gras (1879-1938) e Josep Canaleta i Cuadras (1875-1950), chi erano gli editori del progetto. Ha avuto anche la collaborazione degli scultori Josep Llimona i Bruguera, che ha realizzato le figure per l’oratorio, Carles Mani i Roig, che ha anche fatto Cristo crocifisso per l’oratorio; Joan Matamala i Flotats ha eseguito il lavoro in pietra sulla facciata e Joan Beltran è stato lo scultore modello. La partecipazione di Josep Maria Jujol come assistente di Gaudí si concentra sul design delle porte in legno e altre decorazioni e dipinti al primo piano della cappella. Per la cappella fece anche, in una piccola bottega che aveva in casa milanese, dei lampadari in terracotta. Però,

Il capomastro era Josep Bayó i Font, che aveva assunto per la prima volta per realizzare il Primo Mistero di Gloria de Montserrat e che in seguito sarebbe stato anche il costruttore della Casa Milà. A questo lavoro collaborò suo fratello Jaume, un architetto che aveva lavorato con Domènech i Montaner, autore della casa Baurier in Carrer d’Iradier a Barcellona. La falegnameria è stata eseguita dal laboratorio di ebanisteria “Casas i Bardés”, che ha realizzato le elaborate porte e finestre del piano nobile e la scala principale molto complessa, che è stata praticamente costruita “in situ” e “aggiustata” “da Gaudí diverse volte. Anche l’esecuzione dei mobili disegnati da Gaudí è opera di questi artisti. Sebbene la sua durata sia evidente, il costo di questo oggetto deve essere stato considerevole,

I lavori in ferro battuto su inferriate e balconi sono stati eseguiti dai fratelli Lluís e Josep Badia i Miarnau. I fratelli Badia hanno fatto un lavoro molto importante sulle opere di Gaudí, come la spettacolare porta del Palau Güell e i balconi di Casa Milà. Sebastià Ribó ha realizzato i grossi pezzi ceramici del colmo e le piastrelle azzurre poste a squame sulla facciata, seguendo la tecnica dell’intonaco, oltre che mescolando l’argilla con la vernice. Aveva il suo laboratorio in via Dos de Maig. La ceramica seriale è stata prodotta presso la fabbrica Pujol i Bausis. La cupola e la croce che chiude la torre sono state realizzate nello stabilimento “La Roqueta de Santa Catalina” di Palma.

Il vetro rotto utilizzato sulla facciata è stato fornito gratuitamente da Tallers Pelegrí, che si trovava sulla Gran Via, vicino a Plaça Espanya. Furono gli stessi artigiani incaricati della realizzazione delle vetrate al piombo interne del palazzo, sia nelle parti superiori delle porte che nella grande finestra del piano nobile con vetri poligonali e pezzi circolari e con un volume di colori intensi .

Proprietari e attività commerciali
L’edificio risponde al modello di “casa in affitto” pensato per abitare i proprietari in prevalenza con inquilini agli altri piani, formula che è stata applicata a gran parte dell’architettura di questa parte della “città nuova” alla fine del XIX secolo . Il permesso per affittare gli appartamenti fu presentato al Comune di Barcellona il 13 ottobre 1906, data in cui furono completati i lavori. Quando Amàlia Godó morì nel 1940, l’edificio fu ereditato dalle figlie Mercedes e Carmen. Vendettero la proprietà nel 1954 alla Sociedad Iberia de Seguros. Questa compagnia di assicurazioni lo ha utilizzato come sede e ha eseguito alcuni restauri.

Nel 1989 iniziò un lungo processo di vendita con un’offerta di 10 miliardi di pesetas (~ 60,1 milioni di euro) da parte della banca giapponese Sumittomo, che si concluse con frustrazione. Nel 1991 il presidente dell’assicuratore, Enric Bernat, noto come proprietario di Chupa Chups, affidò a Sotheby’s l’operazione di vendita con un prezzo di partenza di 10 miliardi di pesetas, il tutto e che la valutazione fatta da questa stessa entità era di 13,7 miliardi di pesetas (~ 82,3 milioni di €). Un anno dopo, a causa del prezzo elevato e della crisi del settore immobiliare, era ancora in vendita. Bernat acquistò il 22,5% dell’assicuratore Iberia e prese il pieno controllo della compagnia nell’estate del 1992. Infine, data la mancanza di acquirenti e le difficoltà economiche che l’assicuratore stava attraversando, fu la stessa famiglia Bernat ad acquistare l’immobile per 3,6 miliardi di pesetas (~ 21,6 milioni di euro).

Locatari commerciali
Quando nel 1905 la casa cinematografica francese Pathé Frères decise di trasferirsi a Barcellona, ​​scelse il piano terra della Casa Batlló. La fotografia è stata una delle nuove tecnologie in forte espansione, insieme al telefono, poiché Domenech i Montaner ha voluto evidenziare le sculture al piano principale della casa Lleó Morera. Inoltre, lo spostamento delle classi benestanti all’Eixample aveva cambiato la centralità dell’attività a Barcellona e i famosi fotografi si erano trasferiti a Passeig de Gràcia: Antoni Esplugas si era trasferito al numero 25 dalla sua precedente sede in Plaça del Teatre, e Pau Audouardhe si era recato nella vicina casa León Morera, con una grande inaugurazione del suo studio il 6 luglio 1905. Così, il distributore di un prodotto innovativo come il cinema scelse di collocarsi in un posto di rilievo e molto vicino al suo potenziale i clienti.

Dal 1922 al piano terra fu installato il negozio di alimentari Martignole, di proprietà di Emilio e Margarita Martignole. Lo stabilimento aveva sede in Carrer Escudellers 10, dove l’attività era stata fondata con il nome “El Colmado” nel 1810. Nel 1849 era gestita dal genero del fondatore, Émile Martignole, un francese nativo di Cavanac vicino a Carcassonne, che era presidente della Camera di Commercio francese di Barcellona e che morì nel 1905, lasciando l’attività a due dei suoi 5 figli. Emile avrebbe incorporato le innovazioni nel business e il posto era passato dall’essere un negozio di alimentari, dove c’era un po ‘di tutto – conserve, vini e liquori, medicinali -, a essere una salumeria, il principale fornitore della borghesia grazie ai vini e altri prodotti importati, come il “formaggio di carne” olandese.

Nel 1930, una volta consolidato il negozio situato al piano terra di Casa Batlló, i locali originali di Escudeller furono chiusi. L’attività è scomparsa poco prima della guerra civile spagnola a causa di dissidi sul brevetto di gelatina tra Emilio, che l’aveva rinnovato nel 1914, e il marito di sua sorella Margarita, Émile Berthelier, che gestiva l’attività .. Per tutta la “Gelatina Martignole” è proseguita da produrre fino alla seconda metà del XX secolo distribuito dai laboratori Vidal Ribas, SL.

Dopo il periodo bellico durante il quale la casa Batlló fu confiscata e la famiglia partì per l’Italia, il 1 gennaio 1940, aprì al piano terra la SYRA Art Gallery, di proprietà di Montserrat Isern e che prima della guerra era stata installata in via Diputació 262. La galleria fu decorata da Alexandre Cirici e trasformata dall’architetto Pere Ricart Biot. Esisteva fino alla fine degli anni ’80, dopo la morte del suo proprietario il 9 luglio 1986. Artisti come Josep Amat, Pere Daura, Grau Sala, Joaquim Sunyer, Francesc Gimeno, passarono per questa galleria.Josep Granyer i Giralt, Rafael Benet i Vancells o Josep Guinovart, che ha tenuto qui la sua prima mostra. La sensibilità di Montserrat Isern è stata una finestra per pittori come Àngels Santos, Olga Sacharoff e Soledad Martínez.

Tra il 1930 e la fine del XX secolo, al quarto piano, furono installati i Laboratori Roca de Viñals, dedicati all’analisi clinica. Verso gli anni ’80 erano diretti dal dottor Alfonso Vidal-Ribas Chair, un lontano parente di Teresa Vidal-Ribas, nuora di Josep Batlló i Casanovas. Il 22 febbraio 1942, la società Producciones y distribuciones Chamartin, dedicata alla distribuzione di film, principalmente di produzione spagnola del dopoguerra, si trasferì al piano nobile. La filiale di Barcellona della società di produzione ha allestito la sua fabbrica di cartoni animati nell’appartamento Batlló. Nel 1958 si trasferisce al carrer de Mallorca 213.

Restauri
La scomparsa del gusto per il modernismo, particolarmente attaccato dai noucentisti e dalle avanguardie che sostenevano la semplicità e il funzionalismo, ridusse l’interesse per il lavoro di Gaudí che divenne sacrificale a favore del comfort dei tempi moderni e delle esigenze funzionali delle aziende che vi erano installate , modificando le pareti e abbassando i soffitti. Negli anni Ottanta c’è stata una ripresa della sensibilità a favore del modernismo. Poco dopo il cambio di proprietà nel 1954, la Sociedad Iberia de Seguros ha effettuato un restauro tra il 1960 e il 1970. In quell’occasione, la facciata principale è stata pulita, compresi gli elementi in pietra di Montjuïc.

Nel 1981, in occasione della celebrazione del 75 ° anniversario dell’inaugurazione, fu restaurato il sottotetto e recuperato lo spazio interno, degradato per inutilizzo, divenendo un mero locale di cattivi luoghi senza importanza. Sono state recuperate le forme originarie degli archi, il loro colore bianco, ed è stata installata un’illuminazione che ne esaltava le forme e dava valore estetico ad uno spazio nato per servire le funzioni domestiche. Il lavoro, completato nel marzo 1981, includeva la modifica della pavimentazione riutilizzando i pezzi di mosaico recuperati dagli appartamenti durante la ristrutturazione di Gaudí del 1904.

Nel 1983, le ringhiere dei balconi sono state riportate al loro colore avorio originale, che era stato ricoperto di nero. Il cambiamento, nonostante sia più rispettoso dell’originale, è stato una sorpresa dopo tanti anni con l’aggiunta del colore. Dal 1989 in poi vengono rinforzate le strutture, vengono ripristinate ancora le fondamenta dell’edificio originario, il piano terra e tutti i lucernari che permettono alla luce naturale di entrare nel seminterrato e al piano terra. Il soffitto è decorato con ondulazioni gijoliane in seguito al rifacimento delle volte per allinearle con la proiezione solare della facciata e così sfruttare meglio la luce. Viene realizzata una scala che collega gli spazi dedicati ai soggiorni al piano terra e al seminterrato. La facciata posteriore viene ripristinata pulendo e rivedendo tutta la decorazione del trencadí e viene ripristinata la terrazza del piano nobile: pavimento idraulico, griglie e muro di fondo con fioriere in ceramica. Nel 1992 sono state ripristinate le porte esterne del piano terra e sono stati trattati il ​​pavimento del tetto e la canna fumaria.

Nel 1994 avviene il cambio di proprietà con la partenza della Sociedad Iberia de Seguros e il passaggio alla famiglia Bernat. Dal 1987 la Casa Batlló è stata restaurata dal team di architetti di Josep Maria Botey, che si è dissociato dai lavori nel 1994 per non aver accolto alcune proposte dei nuovi proprietari, la famiglia Bernat. Secondo l’architetto non è stato accettato di fare il restauro con criteri museali, vale a dire differenziando sensibilmente l’opera originale da quella aggiunta o simulata. Quando ha lasciato il progetto, Nina Bernat, della famiglia proprietaria dell’edificio e designer di interni, ha incaricato Joan Bassegoda i Nonell, direttrice della sedia Gaudí, di continuare il lavoro.

Dal 1998, il primo piano è stato completamente restaurato, rafforzando la struttura del pavimento, sostituendo le travi in ​​legno ammalorate dell’edificio originale del 1875 che era stato riciclato da Gaudí, un intervento che, ovviamente, ripristina il tetto del piano nobile. L’ascensore è stato restaurato nel 1999 ed è stato eseguito un intervento di consolidamento della facciata, che presentava zone a rischio frane. Dall’anno 2000, e in preparazione alla celebrazione dell’anno Gaudí 2002, è stato effettuato un intenso restauro della facciata con il recupero di vetro e trencadís, giunti rigenerati privi di malta ed è stato effettuato un trattamento fungicida. I balconi, la falegnameria e le parti rotonde in ceramica rotte sono state ispezionate e riparate.

Un trattamento idrorepellente è stato applicato anche alla pietra sabbiosa di Montjuïc e sono stati riprodotti i colori originali oro e vaniglia delle sbarre e della base dei balconi. I cortili interni sono stati rivisti e puliti, sostituendo alcuni pezzi rotti; è stata ripristinata la carpenteria degli interstizi prospicienti i cortili, così come le porte e gli spioncini delle porte di ingresso agli appartamenti. Dopo l’Anno Internazionale Gaudí 2002, sono proseguiti i lavori di recupero della soffitta, del tetto e dei camini, dove già nel 1981 erano stati effettuati i lavori di pulitura e consolidamento. In questo intervento si ripristinano le pavimentazioni idrauliche, si recupera tutta la carpenteria e si rivede il tetto superiore.

Uso attuale
Nel 1995 è stata inaugurata la ristrutturazione che ha trasformato 1.830 m 2 (seminterrato, piano terra e primo piano) in uno spazio a disposizione per eventi sociali. Oltre all’organizzazione di eventi per aziende o privati, la casa è aperta ai visitatori dal 19 marzo 2002 in coincidenza con l’anno di Gaudí. Le visite possono essere effettuate tutti i giorni dell’anno e dispongono di un sistema di audioguide che forniscono molteplici dettagli del processo di costruzione e dell’interpretazione artistica del lavoro di Gaudí. Poiché sono stati restaurati nuovi spazi -come l’attico o il tetto-, questi sono stati incorporati nella visita e ora è possibile visitare quasi l’intero edificio (piano nobile, terrazzo posteriore, primo piano, sottotetto, tetto, ecc.), ad eccezione dei piani superiori che sono abitati o occupati da uffici della società che lo gestisce. Non fanno parte della visita anche gli spazi al piano terra e al seminterrato, dedicati all’organizzazione di eventi. Nel 2011 ha ricevuto circa 600.000 visite.

Al primo piano, insieme al servizio caffetteria e al negozio di merchandising, c’è uno spazio dedicato ai mobili di Gaudí che comprende riproduzioni fedeli di pezzi di Casa Batlló e Casa Calvet, fornendo un complemento ideale per comprendere meglio la vita quotidiana della casa quando è stato creato. Dal giugno 2000, Casa Batlló è stata inclusa nell’Itinerario del Modernismo, un’iniziativa del Comune di Barcellona per riconoscere e promuovere il patrimonio architettonico di Barcellona. In occasione del decimo anniversario dell’apertura al pubblico di Casa Batlló, nell’ottobre 2012 si è tenuto uno spettacolo di video mapping sulla sua facciata con il nome di The Awakening of the Casa Batlló dove le diverse interpretazioni e simbolismi dell’edificio: laghetto delle ninfee, finestre che sbadigliano, il drago animato che lancia fuoco e combatte con S.

L’edificio
Al di là delle diverse interpretazioni di aree specifiche o dettagli di quest’opera, Casa Batlló, all’interno della linea naturalistica dell’autore, si ispira all’ambiente marino. La varietà dei suoi colori e delle specie compongono la tesi con una predominanza prominente dell’azzurro del mare e dell’ocra delle rocce, azzurro che appare legato alla decorazione in ceramica, alla facciata, all’atrio o ai cortili interni. Secondo lo storico Juan José Lahuerta, “l’interno della casa diventa un luogo di ritrovo per l’uomo che affronta la folla della città e combatte in un mondo competitivo, una specie di grotta sottomarina dove ritrovarsi, dove trovare uno spazio intimo, come mostra l’opera di Jules Verne (molto popolare all’epoca e morto nel 1905 in coincidenza con la costruzione dell’edificio), l’eroe, l’uomo moderno e conquistatore ha due realtà: un esterno, cosmico, senza limiti e un intimo dove si raccoglie nella grotta, nel grembo materno della terra; natura, ragione e storia convergono in questo lavoro. ”

Facciata
La facciata mostra tre parti molto diverse pur essendo armoniosamente integrata. La parte superiore, un po ‘arretrata rispetto all’allineamento stradale, è una sorta di crinale con caratteristici pezzi ceramici che hanno dato luogo a molteplici interpretazioni. La parte centrale, che arriva fino all’ultimo piano, è un arazzo multicolore dal quale sporgono i balconi. La parte inferiore con il pianterreno, il piano principale e le due gallerie al primo piano sono costruite da una struttura in arenaria di Montjuïc con forme ondulate. La parte superiore dell’edificio è un coronamento, una sorta di immenso timpano, che si trova allo stesso livello del tetto e permette di mascherare la stanza dove si trovavano le cisterne dell’acqua e che attualmente è una stanza vuota.

Il suo profilo ricorda il dorso arcuato di un drago, dove le piastrelle di ceramica sarebbero le scaglie. Il mitico mostro ha la testa sul lato destro dove una piccola finestra triangolare nella struttura simula il suo occhio. La leggenda narra che l’orientamento di questa finestra consentisse a Gaudí di osservare la Sagrada Familia che stava costruendo contemporaneamente, una visione oggi impossibile per i nuovi edifici. I pezzi con riflessi metallici che simulano le squame del mostro variano di colore dal verde sul lato destro, dove inizia la testa, al blu intenso e viola nella parte centrale grande, e infine al rosa rossastro e intenso. sul lato sinistro. I pezzi in ceramica, sovrapposti come fossero piastrelle, sono realizzati con una nuova tecnica che Gaudí e Domènech i Montaner hanno recuperato studiandoli in un laboratorio nel Paese di Valencia.

In cima all’edificio, come se simulasse la spina dorsale del drago, puoi vedere due tipi di pezzi di forme davvero uniche. Alcuni sono tegole a forma di segmento di torre sinusoidale che sormontano la struttura e sono fatti di colori simili alle scaglie che rivestono, e altri sono tegole di rivestimento a forma di gomito di guerriero che coprono le giunture delle precedenti. Questi variano di colore dall’arancione sul lato destro, al verde al centro e al blu a sinistra. Forse uno degli elementi più notevoli della facciata è la torre coronata da una cappa in ceramica che, a sua volta, è sormontata da una croce a quattro braccia orientata ai punti cardinali come quelle che l’autore ha realizzato anche nel Parc Güell. È una forma bulbosa che evoca l’elemento radicale della vita vegetale. Un immenso bulbo radicale porta una seconda forma analoga che ricorda il talamo del fiore,

La torre, dove è “piantato” il bulbo del fiore della croce, è decorata con i monogrammi di Gesù (JHS), Maria (M con la corona ducale) e Giuseppe (JHP), realizzati con pezzi di ceramica dorata che risaltano sfondo verde che ricopre la facciata. Questi simboli mostrano la profonda religiosità di Gaudí, che scelse il tema della Sagrada Família ispirato alla costruzione del tempio espiatorio che stava facendo contemporaneamente a questo lavoro. La cuculla e la croce sono state realizzate a Maiorca e quando sono arrivate aveva alcuni pezzi rotti, forse per trasporto. Nonostante l’impegno del produttore a rifare i pezzi rotti, Gaudí considerava attraente l’estetica di questa trencad e chiese al muratore di incollarli con malta di calce e fissarli con un anello di bronzo.

La parte centrale presenta un accattivante e poetico disegno di temi acquatici che rievoca la superficie di un lago con ninfee, tipica delle Ninfee di Monet, con morbide ondulazioni e riflessi prodotti dal vetro e dalla ceramica friabile. È una grande superficie ondulata ricoperta da un intonaco di frammenti di vetro colorato combinato con 330 dischi ceramici policromi rotondi che erano stati progettati tra Gaudí e Jujol durante i loro soggiorni a Maiorca, quando stavano lavorando alla riforma della Cattedrale di Palma. Alcuni di questi documenti rimasti furono riutilizzati sulla riva del Parc Güelland alla fonte del giardino della “casa del prete”, nella Colònia Güell.

Le ringhiere dei balconi sono in ghisa e per il loro design Gaudí ha realizzato un modello a grandezza naturale nelle officine della Sagrada Família prima di passarlo alla fonderia. Ci sono otto pezzi, sette uguali e uno più grande che si trova sul terrazzino a sinistra dell’ultimo piano. Sono verniciati avorio e hanno strisce di acciaio corrimano elicoidali per coprire i fori. I balconi al primo piano e i due al secondo piano sopra le tribune hanno balaustre elicoidali e ringhiere in marmo di Carrara incastonate nella struttura lobata in pietra di Montjuïc e con una sobria decorazione floreale. Infine, nella parte superiore della parte centrale della facciata si trova un balcone più piccolo, anch’esso in ghisa, che corrisponde all’uscita esterna del sottotetto e ha un’estetica diversa dal resto, più vicino a un fiore di ninfea che galleggia nel lago monetario; su entrambi i lati, due bracci in ferro hanno permesso di installare delle pulegge per spostare i mobili su e giù.

Questa parte centrale della facciata è, senza dubbio, il contributo più interessante e più discusso. Secondo Ignasi de Solà-Morales, il design della facciata è di Gaudí (forme curve, teschi sui balconi, stemma del drago, ecc.), Ma la soluzione del colore era affidata a Jujol, in cui Gaudí si fidava del dominio di colore.

La facciata del piano nobile, realizzata interamente in arenaria, mostra forme tondeggianti sorrette da due colonne con fusto che si allarga triangolarmente alla sommità senza formare un capitello e che formano tre grandi lacune. Il design è completato da un’elegante falegnameria alle finestre combinata con vetrate colorate piombate. Davanti alle grandi finestre, come se fossero puntelli a sostegno della complessa struttura in pietra, vi sono sei sottili colonne che simulano due lunghe ossa degli arti, femore o omero, con un’apparente articolazione centrale che in realtà è una decorazione floreale. La forma arrotondata degli spazi vuoti e l’aspetto delle labbra con cui è lavorata la pietra che li circonda conferisce loro un aspetto simile a una bocca completamente aperta, motivo per cui è stata definita la “casa degli sbadigli”.

Per Bassegoda, nell’opera di Gaudí i frammenti suggeriscono una continuità; la sua facciata potrebbe estendersi lateralmente indefinitamente in contrasto con lo spazio chiuso dei poliedri regolari che compongono gli edifici tradizionali.

Ingresso e scale
L’ingresso principale è sobrio, chiuso da porte in ferro battuto dipinte di avorio e oro simili a balconi, un dipinto di ciliegio che Gaudí aveva usato in altre occasioni per proteggersi dall’ossidazione. Le altre lacune del piano terra corrispondono all’accesso al seminterrato, due finestre con sfiati nel seminterrato che sarebbero stati realizzati con fosse del carbone e il portone commerciale al piano terra. In origine, solo la porta delle scale era in ferro, come quella attuale, poiché le porte del seminterrato e del negozio erano in legno presso la casa Eudald Puntí in Carrer de la Cendra. Attualmente hanno tutti recinzioni in ferro omogenee all’ingresso principale. La lobby è decorata con una passerella in ceramica con pezzi azzurri e bianchi. Sullo sfondo un piccolo distributore, alla base di uno dei cortili interni che fornisce illuminazione naturale.

La scala dei vicini sale circondando l’ascensore e al centro dei due cortili interni, che conferisce una luce insolita alle scale, abitualmente collocate come un box centrale chiuso e buio. Qui, invece, la scala non è racchiusa da muri, ma da ringhiere e da una struttura in vetro traslucido. Su ogni pianerottolo sono presenti due porte di quercia intagliate con sgorbia, con una lettera d’oro della calligrafia di Gaudí dipinta sul montante e indicante il pavimento in questione, una formula alternativa alla tradizionale numerazione di pavimento e porta. Le lettere vanno dalla “A” alla “I”. La “G” di Gaudí ha un’ortografia speciale. La scala principale che consente l’accesso diretto al piano nobile, sede dei Batllós, parte da un atrio privato in fondo all’ingresso, di circa 20 mq con muri ondulati che, senza spigoli o angoli, formano un continuum con il tetto conferendogli l’aspetto visivo di una cavità naturale. Due grandi lucernari in vetro decorati con esagoni, come se fossero un nido d’ape, portano luce nello spazio.

La maestosa scala è realizzata in legno di quercia e incorpora pezzi tagliati alla fine dei gradini che evocano le vertebre di un animale preistorico. La concatenazione di questi pezzi in una sinuosa spirale che ruota di quasi 180 ° compone la spina dorsale del mostro gigante nella sua grotta. Il corrimano, che corre lungo tutta la scala, presenta alle estremità elementi decorativi formati da un palo metallico con una sfera di vetro rosso circondata da due nastri di ferro che reggono una corona sulla sfera.

Loft
Il loft è considerato uno degli spazi più insoliti. Anticamente era un’area di servizio per gli inquilini dei diversi appartamenti dell’edificio che contenevano locali lavanderia e magazzini. È noto per la sua semplicità delle forme e la sua influenza mediterranea attraverso l’uso del bianco sulle pareti. Contiene una serie di sessanta archi catenari che creano uno spazio che rappresenta la gabbia toracica di un animale. Alcune persone credono che il design della “gabbia toracica” degli archi sia una gabbia toracica per la spina dorsale del drago che è rappresentata nel tetto.

Piano principale
Il primo piano è diverso dagli altri piani e ha richiesto un intervento molto importante. Era la casa dei Batlló e Gaudí vi prestò particolare attenzione con un’interessante disposizione dei soffitti e una decorazione molto elaborata, giocando con luci e ombre nei diversi spazi e dando forme ondulate a tutte le partizioni. La facciata qui è in pietra, con un loggiato dove le finestre hanno forme ondulate e totalmente diverse ei pilastri assumono la forma di ossa con incastri. Vi si accede direttamente dalla scala principale, sul retro della hall. Alla fine di questa scala a chiocciola si arriva ad un androne che funge da distributore; dietro una prima porta si accede alla sala del camino, realizzata nei laboratori Ramon Reguant. È una stanza al servizio dell’estetica di questa casa che, incassata nel muro,

L’intero insieme è circoscritto sotto un arco con profilo a fungo in gres refrattario. Questo disegno con sedute davanti al fuoco simboleggia l’unione della famiglia e si ispira agli spazi di cottura delle case contadine rurali dove sotto un grande scarico fumi era situato il fuoco, il calderone sospeso e le sedute per sedersi. lì accanto al fuoco. La versione urbana di questa app avrebbe l’obiettivo di avere uno spazio “raccolto” per le coppie in festa, su una delle panchine, riservando l’altra alla persona che “fungeva da candela” e si prendeva cura della moralità. Casa Burés a Barcellona ha camini con panchine davanti, anche se con una decorazione molto più modernista, a differenza del gusto rustico che Gaudí ha voluto dare a questa stanza. Il resto delle pareti è stuccato e include foglie d’oro che creano una sorta di crepitio che simula i disegni di un mosaico.

L’ampio soggiorno centrale è un grande open space situato nella parte centrale della facciata principale. La sua finestra dal profilo sinuoso è stata progettata per “vedere ed essere visti” con oculi in basso, una decorazione basata su vetrate tonde di diverse tonalità di blu nella parte superiore e, nella fascia centrale, finestre aperte. di ghigliottina che vengono aperte per mezzo di una serie di contrappesi nascosti nelle estremità. Non ci sono montanti tra queste finestre e quando vengono aperte tutte insieme lasciano la vista sulla strada senza ostacoli visivi. Questa soluzione sarebbe stata successivamente utilizzata nel progetto della “finestra scorrevole” di Le Corbusier a Villa Savoye. Tutta questa finestra corrisponde, infatti, al ballatoio che sporge di circa un metro dal muro portante della facciata,

Su ogni lato del soggiorno ci sono due stanze più piccole che si affacciano sulla strada attraverso le finestre laterali della grande vetrina che è la finestra di questo piano. Quello di destra è un soggiorno più intimo al quale si accede anche dalla sala del camino, comunicante con la centrale tramite ante ondulate in rovere anch’esse con dischi circolari in vetro apribili. è completamente per formare un unico ambiente. Il tetto è un cielo piatto con un rilievo in gesso a forma di vortice che richiama l’ambiente marino della casa e suggerisce l’idea di generazione della natura. Al centro della spirale si trova una lampada spettacolare che, pur non essendo attualmente il pezzo originale, il suo design ci offre una vista eliocentrica del soffitto dello spazio.

All’altra estremità del piano, di fronte alla facciata posteriore verso la terrazza, si trova la sala da pranzo privata del Batlló. La sua falegnameria e la facciata in vetro furono smantellate per motivi funzionali quando l’edificio fu dedicato agli uffici. Nel 1991 è stata realizzata una riproduzione che ci permette di vedere la stanza oggi con la stessa immagine originale. La forma del cielo piatto di questa stanza ha la forma dello splash prodotto da una goccia con le gocce che genera formando una corona. In prossimità dell’uscita sul giardino si trovano una coppia di colonne binate ispirate a quelle del Cortile dei Leoni dell’Alhambra di Granada, con base e capitello arrotondati, morbosi, come consumati dall’erosione. Sono intonacate sul fuoco con un crepitio simile a quello che si trova in altre stanze, ma in questo caso con un accostamento policromo con colori caldi e pastello.

Altoparlanti
All’interno della grande sala al piano nobile che si affaccia sulla facciata del Passeig de Gràcia si trovava un oratorio situato nella forma concava della parete di fondo; era chiusa con grandi pannelli di legno che rendevano facile trasformare il soggiorno in una cappella, una soluzione che Gaudí aveva già utilizzato nel Palau Güell. Conteneva un piccolo altare e una pala d’altare di quercia con una Sagrada Familia realizzata da Josep Llimona i Bruguera, dove si vede Gesù adolescente baciare la mano di San Giuseppe davanti alla tavola di un falegname mentre la Vergine osserva la scena. Nella cornice dorata della pala d’altare disegnata da Gaudí compare la parola “amen” scritta in alto e verticalmente su ogni lato, insieme all’anagramma “GMG” in riferimento a Gesù, Maria e Giuseppe. C’era anche un crocifisso in metallo dello scultore di Tarragona Carles Mani i Roig,

Il crocifisso del Cristo della Scadenza realizzato da Mani era stato realizzato in seguito agli studi di Gaudí sull’esatta posizione del corpo dei condannati alla croce, soggetto sul quale l’architetto aveva realizzato diversi modelli in gesso, uno dei quali è conservato in la casa-museo di Gaudí nel Parc Güell. La pala d’altare è stata smantellata ed è rimasta in possesso della famiglia, a Madrid, per molti anni, e dal 2001 è al museo della Sagrada Familia.

Cortili interni
I cortili interni sono uno degli elementi più innovativi della riforma strutturale dell’edificio. L’architetto comprese che per costituire uno spazio unitario attrattivo per la sensibilità umana era necessario sopprimere i bagliori che potevano rompere il tutto e decise di compensare le naturali differenze di illuminazione tra il superiore e il basso con un ingegnoso gradiente del colore di la ceramica che riveste le pareti che va dal blu cobalto al bianco, dall’alto verso il basso, ottenendo in un precoce procedimento di condizionamento cromatico un effetto di colore uniforme se lo si guarda dal piano terra. Applicando la stessa logica Gaudí concepì le finestre più grandi così come sono sotto. Inoltre,

La parte superiore dei cortili ha un tetto in vetro alto circa 30 cm. per consentire la ventilazione, isolando l’interno dei cortili dalla pioggia. Le vetrate sul tetto, poste su due lati, sono appoggiate al centro su una struttura in muratura che attraversa il cortile e consente l’accesso al traffico per la pulizia dei vetri. La falegnameria che dà al celobert è una combinazione di pino melis all’interno e, all’esterno, di castagno.

Facciata posteriore
La facciata posteriore è adornata con ghirlande disegnate a trencadis multicolori e mazzi di fiori come se fossero degli scalatori che si arrampicano dalla terrazza alla sua base. Il coronamento presenta una forma ondulata di grande dinamismo che richiama ancora una volta l’ispirazione marina dell’intera opera Batlló. L’intero trencadís di questa parte superiore della facciata ha una capacità espressiva unica e colori molto vividi nei motivi floreali rappresentati. Le ringhiere dei balconi sono in ferro battuto ad eccezione del piano superiore che è in pietra ed è anch’esso decorato interamente con trencadís, in modo che l’osservazione dalla terrazza inferiore colleghi visivamente le decorazioni della ringhiera e della corona in un unico grande tappeto multicolore.

Ai piedi di questa facciata si trova il terrazzo del piano nobile, a cui si accede dalla sala da pranzo attraverso un passaggio tra due grandi lucernari che illuminano il seminterrato e che conferiscono al passaggio un’aria di ponte levatoio. un castello che unisce l’esterno e l’interno. Ai lati del passaggio, come se fossero le mura del castello, complesse inferriate di forme tondeggianti, in netto parallelismo con le finestre che lo proteggono, circondano l’intera facciata posteriore fino a circa 3 metri di altezza.

Il perimetro del terrazzo è separato dagli edifici adiacenti da un recinto di sbarre della stessa fattura di quelle che proteggono la facciata. Sullo sfondo, un muro di profilo ondulato con cui corona la facciata posteriore, separa la tenuta dalla vista dell’interno dell’isolato. È decorato con trencadís sulla fronte e proprio al centro, di fronte alla porta di uscita sulla terrazza, un grande murale in trencadís a forma di paraboloide ricorda le forme degli archi della soffitta. Dai trencadís, come se fossero protuberanze naturali, ci sono fioriere uniche fatte di dischi di ceramica da quelle sulla facciata principale che contribuiscono a dargli una personalità da giardino pensile. Sparse sulla terrazza ci sono fioriere portatili in ceramica blu e bianca montate su gambe in ferro battuto.

Il grande effetto colorato e caleidoscopico della sua pavimentazione in gres di Reus che faceva parte della pavimentazione interna degli appartamenti prima della ristrutturazione e che Gaudí ha riutilizzato senza seguire, però, la disposizione originaria, lasciandola libera dai pallet. Una combinazione che forma un confine unisce la porta di uscita con il fragile paraboloide della parete di fondo come se fosse un grande tappeto.

Attico
Al di sopra dell’ultimo piano ci sono grandi soffitte dove Gaudí mostra l’applicazione dell’arco parabolico come struttura portante per il tetto, una forma che aveva anche usato poco dopo aver unito i telai di legno. della cooperativa Mataró conosciuta come “L’Obrera Mataronense”. In questo caso Gaudí utilizzò la tecnica catalana del mattone piano, importato dall’Italia nel XIV secolo. Nell’attico erano presenti locali di servizio e lavanderia in un locale aperto sotto un tetto a volta catalana sorretto da 60 archi parabolici che sembrano le costole di un enorme animale, distribuiti in due lunghi corridoi che delimitano i cortili interni e, nel parte periferica dell’edificio, si trovano le diverse stanze. A lato della facciata si trova un ampio locale dedicato alla stesura dei panni e attualmente noto come The Dragon ‘ s Pancia dove gli archi sono molto ampi, formando uno spazio unico. L’intera pianta gode di una luce che produce straordinari giochi di luci e ombre.

Il basamento del piano sottotetto, cioè la copertura del piano inferiore, è costituito da travi in ​​ferro su cui poggiano le strutture in laterizio e ferro controventato che formano gli archi. Questi trasmettono il carico alle estremità delle travi e queste, in direzione verticale, alle pareti portanti. Ciò impedisce alla struttura degli archi di trasmettere sollecitazioni all’esterno. Sopra gli archi, le volte a botte creano uno spazio diaframmatico e le tegole che formano il tetto.

Tetto
Il tetto contiene quattro serie di camini alti 6,10 metri ricoperti da frammenti di vetro e trencadís policromi con motivi floreali che, nel loro insieme, sono un intermedio tra la foresta di camini del Palau Güell (1888) e la Casa Milà. (1910). Il suo design speciale impedisce all’aria di tornare indietro. Il tetto della Casa Batlló, una delle creazioni più spettacolari dell’arte plastica di Gaudí, è il più grande pezzo di scultura policroma. Costruito sulle arcate paraboliche dell’attico, è uno spazio rettangolare diviso al centro dai lucernari dei cortili interni. Nella parte anteriore è presente un ampio locale dove sono state installate le cisterne dell’acqua e che coincide con la parte più alta della facciata. Con questo design Gaudí è riuscito a dare un senso estetico – il dorso ondulato e sabbioso del drago – a un requisito funzionale del tempo in cui l’acqua corrente era priva di pressione sufficiente per fornire le condizioni di comfort richieste. Se la vista esterna della corona simulava le scaglie di un drago, il lato interno che funge da ringhiera del tetto sembra il guscio.

I comignoli sul tetto sono raggruppati come fossero maniglie a fungo con una piccola torsione salomonica che le conferisce un dinamismo ed espressività tipici di una scultura. Ciascuno degli sbocchi fumi, a profilo quadrato, è coperto da una cappa dal volume piramidale molto affilato, con una ripida pendenza che consente la distribuzione dell’acqua piovana, rievocando la sommità degli obelischi commemorativi. In punta ci sono delle sfere che rimbalzano le gocce di pioggia, una figura che ricorda i vasi che sono posti in cima ai pali dei fienili. In origine, queste palline erano di vetro ed erano riempite di sabbia colorata; nel restauro del 1983 sono stati sostituiti dagli attuali cementizi e vetri intarsiati.

I camini sono decorati e, allo stesso tempo, protetti da un vetro trencadíspolychrome e ceramica con una qualità tonale acquosa, che ricorda le nuvole, la pioggia … In totale ci sono ventisei camini distribuiti in quattro gruppi: un primo gruppo con otto camini dietro il locale del serbatoio dell’acqua, cioè dietro il coronamento della facciata ;; il terzo gruppo con altri sei sul lato mare, vicino alla casa Amatller, a metà strada tra la facciata e il fondo; un quarto gruppo con quattro camini allo stesso livello di quest’ultimo ma lato monte, attualmente attaccato alla casa confinante poiché hanno realizzato due piani aggiuntivi.

Innovazioni
Gaudí concepisce l’edificio come natura, cioè come un organismo vivente, in cui ogni elemento è vivo e adempie una funzione che, lungi dall’essere meramente passiva, come i contrafforti gotici, è dinamica. Cioè, è sia una parte sostenuta che sostenitrice del lavoro che, soprattutto, è un’unità. Un’architettura organica, che nel XX secolo è stata sperimentata da Le Corbusier e dai funzionalisti. Le forme di Gaudí hanno trionfato nel mondo del design e sono legate alla fisica indeterministica, con il principio di Werner Heisenberg.

Secondo Oriol Bohigas Gaudí, la razionalità oggettiva della struttura non è mai stata considerata, ma, sulla base di un criterio costruttivo prestabilito, ha determinato quella forma che più drammaticamente esprimeva le vicissitudini e le difficoltà di costruzione; “.. con un gusto per la complessità degli spazi e dei volumi e un desiderio di sacrificare il piano per lo spazio organico”, diventando un’interferenza degli spazi che offusca i confini dell’edificio. Questa tendenza è particolarmente marcata nella Casa Batlló, dove tribune e balconi sfumano il confine tra interno ed esterno.

Gaudí si distingue per varie disposizioni costruttive e spaziali che cercano di ottenere un ambiente confortevole, soprattutto con tutto ciò che riguarda la ventilazione naturale, forse seguendo gli insegnamenti di Viollet-le-Duc in Les Entretiens. Se avesse sperimentato queste tecniche al Palau Güell, sarebbe stato al Batlló dove le sviluppò ampiamente. L’autore ha proposto questo lavoro con criteri che potrebbero essere considerati, in termini attuali, architettura ecologica nel trattamento della luce e della ventilazione. Per quanto riguarda l’illuminazione, è già stato descritto come fornisse una luce speciale alle stanze centrali dei piani attraverso i cortili interni che avevano un grande lucernario e una speciale serie di colori nelle ceramiche.

La distribuzione dei pavimenti della Casa Batlló, allungata tra le facciate per sfruttare l’effetto della ventilazione incrociata, era già tipica nel progetto degli edifici dell’Eixample di Barcellona. Ma Gaudí ha incorporato una serie di aperture nelle parti inferiori delle finestre per sfruttare l’ingresso dell’aria fresca dalle brezze notturne estive. La soluzione permette di regolare la presa d’aria da feritoie regolabili e set di teli sotto forma di tende che permettono di determinare il flusso di circolazione dell’aria tra gli ambienti. Queste piccole crepe sono presenti anche nelle porte interne. Lo stesso Gaudí ha progettato i meccanismi che consentono una facile regolazione. Dall’aria calda agli strati superiori, dove fuoriesce dalle prese attorno ai lucernari. Inoltre, il calore dell’aria in alto, sotto il lucernario, produce un effetto circolatorio indotto che “tira” l’aria fredda dagli strati inferiori. Per far passare l’aria dalla facciata principale alla parte inferiore dei cortili, ci sono tubi di cemento che attraversano il seminterrato.

La soffitta aveva la funzione di locale di servizio per fare il bucato e stendere i panni per asciugarli. Era quindi essenziale avere una buona ventilazione. Gaudí ha risolto questo problema costruendo due scale che collegano questo piano e il tetto, una a ciascuna estremità del pavimento. Con questa separazione riesce a forzare una ventilazione incrociata. Inoltre le stanze circondano i cortili interni con i quali hanno un piccolo collegamento in alto, ottenendo l’ingresso di aria fredda che ne garantisce la ventilazione.

Simbologia
L’edificio nel suo insieme è ispirato a un ambiente marino, un enigma sottomarino. La visione naturalistica dell’autore spiega questa tesi con una spiccata padronanza dell’azzurro del mare e dell’ocra delle rocce. Un blu che appare legato al decoro in ceramica, che inizia con tenui toni azzurri nella hall che si collegano, internamente, con i mutevoli cortili di intensità e, esternamente, con il mare della facciata. La scala principale si trova in una grotta sottomarina che conduce ad un piano nobile che si configura come il grande rifugio sottomarino, come una vasca per i pesci da cui siamo osservati o osservati, come un sottomarino che ci permette di isolarci e proteggerci. Un interno in cui le forme arrotondate di porte e finestre evocano le paratoie interne di una nave e dove le incisioni delle porte in rovere presentano un campione di serpenti marini,

Il legame naturalistico dell’edificio con un essere vivente porta Gaudí a utilizzare similitudini a seconda del lavoro meccanico svolto. Su supporti lunghi utilizza forme che ricordano l’omero o il femore; le basi e i capitelli dei pilastri ricordano le vertebre; le balaustre dei balconi del primo piano sono falangi e le grate convesse, turgide, realizzate con corrimano in ferro che proteggono gli occhi dai balconi in ferro assomigliano alle costolature. In assenza di documentazione diretta da Gaudí, il significato delle forme e dei colori della facciata ha avuto diverse interpretazioni, tutte abbastanza plausibili. La somiglianza delle ringhiere dei balconi con le maschere da festa invita a vedere i coriandoli scivolare nella policromia della facciata.

L’interpretazione di Lluís Permanyer punta a una visione meno profana e più epica delle precedenti e colloca il simbolismo attorno alla lotta di San Giorgio contro il drago, rappresentante del male, la cui spina dorsale forma il profilo superiore della facciata. Palazzo principale. La torre sarebbe la lancia inchiodata al drago, l’edificio; una lancia coronata da una croce che simboleggia lo stendardo di San Giorgio e con incise le iniziali della Sagrada Família, simbolo inequivocabile del trionfo della religiosità e del bene. Le scaglie blu della schiena del drago diventano rosse – macchiate di sangue – sul lato sinistro della torre. In questa interpretazione i balconi sono frammenti di teschi e i pilastri delle finestre del piano nobile sono le ossa delle vittime del drago.

La serie di finestre al piano nobile delinea l’immagine di un pipistrello con le ali aperte. Si tratta di un animale legato al simbolismo catalano medievale reso popolare da Re Giacomo il Conquistatore che, secondo la leggenda basata sul Libro dei Fatti, gli ricordò un pipistrello che impedì la sconfitta della Corona d’Aragona sull’orlo di Burriana e ne consentì la conquista di Valencia.

Tuttavia, l’origine più probabile di questo animale come simbolo risiede nel vibrio della sommità reale di Pietro il Cerimonioso. La vibria era un drago che incoronava gli stemmi di alcune importanti città del Mediterraneo, come Palma, Valencia e Barcellona. Dal Seicento in poi, l’immagine del viburno iniziò a trasformarsi, identificandosi con un pipistrello da cui prese infine la forma. Questa progressiva trasformazione in araldica si impose in pieno nel corso dell’Ottocento, chiudendo quasi completamente la vibria. A quel tempo, con l’impulso del Rinascimento, l’immagine del pipistrello fu ampiamente diffusa dal movimento modernista, comparendo sulle copertine di periodici come Lo Gay Saber e Revista de Catalunya. Sullo stemma di Barcellona il pipistrello apparve all’inizio del diciannovesimo secolo e rimase fino al ventesimo secolo. Pertanto, il pipistrello come evoluzione del drago alato è agiograficamente correlato alla figura di San Giorgio.

Al piano nobile molte forme ti trasportano in un mondo fantastico, come ispirato a miti o libri di avventura e spedizioni così di moda alla fine del XIX secolo. Alcuni degli animali raffigurati o le forme interne del piano nobile sembrano essere prese dalle illustrazioni di Alphonse de Neuville nell’edizione del 1870 del romanzo Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne. L ‘”occhio di drago” formato dalla piccola finestra triangolare si ispira alla Roca Foradada sulla montagna di Montserrat. Gaudí, oltre al suo sentimento religioso, conosceva bene la montagna dove realizzò il Primo Mistero della Gloria del Monumentale Rosario di Montserrat. La forma del cielo piatto della sala da pranzo del piano nobile ha la forma di uno schizzo con le gocce che genera da cui si generano le onde espansive della creazione.

Casa Batlló è una vanitas in mostra sul lungomare più lussuoso di Barcellona e che ricorda, attraverso il lusso traboccante della borghesia, la caducità di tutte le cose e la loro morte. D’altronde la morte è l’inizio della trasformazione, dell’eterna metamorfosi come il mobile perpetuum rappresentato dal vortice dove il tempo divora la materia e la materia ritorna sempre attraverso il caos. Forme a spirale come le nebulose associate alla generazione dell’universo, alla sua creazione. La forma più evidente è sul soffitto del soggiorno del piano nobile, ma è visibile anche su alcuni timpani delle porte interne. La scala principale è chiaramente la spina dorsale di un animale preistorico all’interno della sua grotta. Dagli incastri delle colonne ossee all’esterno della galleria del piano nobile spuntano piante carnose.

Gaudí ha progettato per la casa Batlló il panot Gaudí, una pavimentazione idraulica realizzata da Escofet, di pezzi esagonali di colore blu e motivi marini che dovevano essere sul pavimento della camera da letto Batlló per finire a creare un’atmosfera marina, ma alla fine è stato non usato. Sono rappresentate un’alga del genere sargassum, un’ammonite e un echinoderma. Sebbene lo pagasse a Batlló, Gaudí lo recuperò e lo mise in casa Milà. Nel corso del tempo, il Gaudíha panot è diventato un segno di identità ed è il pavimento dei marciapiedi di Passeig de Gràcia. Era stato disegnato in cera grigia da Joan Bertran, sotto la supervisione di Gaudí che “ritoccò con le proprie dita”, nelle parole del costruttore Josep Bayó.

Mobilia
Gaudí era un audace progettista di elementi decorativi per alcune delle sue case; ha fatto mobiliure, griglie, maniglie, spioncini e altri pezzi decorativi. I mobili di Gaudí sono come sculture che, come la sua architettura, iniziano con un periodo neogotico intorno alla fine degli anni ’70 dell’Ottocento, dove realizzò quello che è considerato il suo primo mobile, la sua scrivania distrutta durante la guerra civile. Nella stessa linea sono i mobili delle suore di Gesù e Maria e quello di Comillas. Tra il 1887 e il 1888 realizza il primo pezzo per un cliente, una chaise longue per il Palau Güell, un mobile dove sostituisce la tradizionale struttura in legno con un innovativo alloggiamento in ferro. Questa innovazione sarebbe stata successivamente applicata ad alcuni mobili imbottiti di casa Calvet, conservando voluminosi arazzi tendenti a un certo neo-rococò che, sotto il nome di stile Pompadour, attirava la borghesia dell’epoca.

Questo uso del ferro e la mancanza di modanature rettilinee ebbe una grande influenza sugli ebanisti dell’epoca come Joan Busquets e Jané che lo applicarono alla chaise longue che fece per Madame Bringas nel 1899. In un secondo periodo fece un ripensamento radicale basato sull’evoluzione della sedia bavarese diventata di moda nell’ultimo quarto dell’Ottocento. Per primo propose un design convenzionale in termini di struttura, ma con un arrotondamento all’incrocio tra sedile e schienale, una soluzione unica sviluppata nel 1890. Ma la soluzione più nota che sviluppò a seguito degli ordini del Calvet e del Batlló consisteva nel sollevare lo schienale e il sedile in due pezzi separati, una soluzione che inghiotte le gonne delle levitas e le gonne femminili, evitando in questo modo che si schiacciassero, come avveniva in precedenza.

I giunti a vista delle gambe della sedia bavarese realizzati con occhiello e stoppino sono stati sostituiti da giunti invisibili e con gambe di forma conica. Migliora anche il comfort degli schienali con una concavità ottenuta dall’accoppiamento ad angolo di più pezzi di legno piani. Aggiunse ancora un altro fattore di differenziazione: realizzò tutti i mobili in massello di rovere, un legno chiaro che sostituì le tonalità più scure del mogano, del palissandro o dei mobili tinti di nero ampiamente utilizzati nell’ebanisteria del XIX secolo. Molti architetti contemporanei hanno seguito questa tendenza in una sorta di riconoscimento del legno dei mobili medievali, lodato da Viollet-le-Duc nei suoi scritti.

I mobili progettati per Casa Batlló erano originariamente destinati alla sala da pranzo principale. La collezione consisteva in un tavolo, due panche doppie, un’altra di tre e un set di sedie. Le dimensioni della sedia sono 74 cm. di altezza schienale, 45 cm. di altezza del marciapiede, 52 cm. di larghezza e 47 cm. sfondo; è leggermente più bassa e con meno fondo rispetto alla sedia Calvet. Le dimensioni della panca sono 103 cm. di altezza schienale, 45 cm. di altezza panca, 170 cm. largo e profondo 81; era notevolmente più grande di quello progettato per la casa Calvet. Le sue opere per la casa Calvet hanno forme curvilinee e alveolari, decoro di un vitalismo naturalistico. In Casa Batlló, invece, il decorativismo lascia il posto all’organismo che assimila le sue opere a un organismo vivente.

Per gli arredi di Casa Batlló, l’architetto ha proposto un progetto fino ad ora inedito, con una tipologia di seduta che ricerca le forme arrotondate della morfologia umana; rimosse le tappezzerie e gli ornamenti superflui dell’epoca e optò per la forma e il colore del legno nudo. Precursore del design ergonomico, cerca di rompere con i repertori accademici e fa avanzare il design industriale, come avrebbero fatto in seguito altri architetti contemporanei come Victor Horta, Mackintosh e Saarinen. La sedia della sala da pranzo è di piccole proporzioni e di altezza ridotta, rompendo con le sedie ingombranti come se fossero sedute usate in molte sale da pranzo borghesi. Riduce al minimo il numero di parti che lo compongono che vengono assemblate in maniera più semplice ed unitaria rispetto ai pezzi precedenti. Tutte le forme sono arrotondate; le gambe leggermente elicoidali con profilo sostanzialmente parabolico.

Il sedile sembra traboccare ai lati sotto la pressione di qualcuno che si siede. Lo schienale, di forma leggermente concava per adattarsi allo schienale, è rifinito con una traversa rifinita in una sorta di maniglia con incavo circolare come se avesse ceduto alla pressione delle dita e offrendo una piccola presa per aiutare a sollevare la pesante sedia . Gaudí riesce ad imporre la forma alla materia, trasformandola in un destinatario delle sue qualità. Secondo Juan José Lahuerta “la materia scompare come tale, si arrende alla forza dell’artista, trasformata da essa”. Il desiderio di un adattamento naturalistico dei mobili portò Gaudí a chiedere alla signora Batlló quante donne e uomini c’erano in famiglia; quando ha voluto sapere perché l’architetto ha risposto che le sedie che stava progettando le avrebbero rese diverse per adattarsi all’anatomia. Signora Amalia ‘ La reazione è stata un rifiuto frontale dell’idea. I mobili originali sono conservati nel MNAC e nella Casa Museo Gaudí nel Parc Güell.

Sant Jordi Day
Una giornata di festa dove rose e libri diventano protagonisti. Il festival di Sant Jordi è un giorno che viene celebrato con grande entusiasmo e gioia in Catalogna. Il 23 aprile le strade di città e paesi sono gremite di gente e bancarelle che vendono libri e rose. Si tratta di celebrare la festa del santo patrono della Catalogna e ricordare questa tradizione basata sull’amore e sulla cultura.

La leggenda racconta che molto tempo fa, a Montblanc (Tarragona) un feroce drago capace di avvelenare l’aria e uccidere con il suo respiro, aveva terrorizzato gli abitanti della città. Gli abitanti, spaventati e stanchi delle sue devastazioni e dei suoi misfatti, decisero di calmarlo nutrendo una persona al giorno che sarebbe stata scelta dalla lotteria. Dopo diversi giorni, la sfortuna cadde sulla principessa. Mentre la principessa stava lasciando la sua casa e si stava dirigendo verso il drago, un cavaliere di nome Sant Jordi, in armatura scintillante e un cavallo bianco, apparve improvvisamente per venire in suo soccorso. Sant Jordi alzò la spada e trafisse il drago, liberando finalmente la principessa e i cittadini. Dal sangue del drago spuntò un cespuglio di rose con le rose più rosse mai viste .. Sant Jordi, trionfante, colse una rosa e la offrì alla principessa.

La leggenda è stata fonte di ispirazione per molti artisti. Antoni Gaudí ha rappresentato la leggenda di Sant Jordi nell’architettura di Casa Batlló affinché negli anni questa fantastica tradizione continuasse a vivere. La mitica leggenda è rappresentata in Casa Batlló attraverso la facciata e in due spazi specifici all’interno. Sul tetto, il retro del DRAGO prende vita con le piastrelle di ceramica a forma di scaglie ed è attraversato dalla Croce a quattro braccia che rievoca la SPADA trionfante di Sant Jordi.

All’ultimo piano troviamo un balcone a forma di fiore che allude al PRINCESS BALCONY. Ai piani inferiori, i resti delle vittime del drago si trovano attraverso i balconi a forma di TESCHI e le colonne della tribuna che sembrano OSSA. Nell’atrio privato della casa della famiglia Batlló, c’è una scala i cui terminali ricordano le vertebre di un animale e che, secondo la cultura popolare, potrebbe riferirsi alla spina dorsale della CODA DEL DRAGO. Infine, in soffitta, la stanza principale con archi a catenaria rievoca il grande animale.

Il risveglio del drago
Casa Batlló, l’opera più creativa di Antoni Gaudí, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Per commemorare questa data e nell’ambito del festival Mercè, Casa Batlló ha condiviso con l’intera città di Barcellona una proiezione audiovisiva sulla sua facciata, rivelando tutti i simboli e le interpretazioni che hanno ispirato Antoni Gaudí durante la creazione di quest’opera d’arte. Sulla facciata di Casa Batlló sono presenti dettagli architettonici che esprimono numerose allegorie.

Tags: