Torre di Belém, Lisbona, Portogallo

Torre di Belém (portoghese: Torre de Belém), ufficialmente la Torre di Saint Vincent (portoghese: Torre de São Vicente) è una fortificazione del XVI secolo situata a Lisbona che fungeva sia da fortezza sia da porta cerimoniale per Lisbona. Fu costruito durante l’apice del Rinascimento portoghese ed è un esempio di spicco dello stile manuelino portoghese, ma incorpora anche accenni di altri stili architettonici. La struttura è stata costruita in pietra calcarea di Lioz ed è composta da un bastione e una torre di quattro piani di 30 metri (98,4 piedi).

Dal 1983, la torre è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, insieme al monastero di Jerónimos. È spesso raffigurato come un simbolo dell’Età delle scoperte dell’Europa e come un metonimo del Portogallo o di Lisbona, dato il suo status di punto di riferimento. È stato erroneamente affermato che la torre fu costruita nel mezzo del Tago e ora si trova vicino alla riva perché il fiume fu reindirizzato dopo il terremoto di Lisbona del 1755. In effetti, la torre fu costruita su una piccola isola nel fiume Tago vicino alla riva di Lisbona.

Storia
Alla fine del XV secolo, il re Giovanni II aveva progettato un sistema di difesa per la foce del Tago che dipendeva dalle fortezze di Cascais e São Sebastião (o Torre Velha) a Caparica sul lato sud del fiume. Queste fortezze non proteggevano completamente la foce del fiume ed era necessaria un’ulteriore protezione. Nella sua “Cronaca di Giovanni II” (Chronica de D. Joao II), che apparve nel 1545, l’autore Garcia de Resende affermò l’opinione del re che le difese di Lisbona erano inadeguate e che aveva insistito per costruire fortificazioni lungo l’ingresso al fiume Tago per integrare le difese esistenti. A tal fine, ordinò la “costruzione di un forte forte”, ma morì prima che venissero disegnati dei piani. Il re Manuele I del Portogallo rivisitò la proposta venti anni dopo e ordinò la costruzione di una fortificazione militare sul margine settentrionale del Tago a Belém. Nel 1513, Lourenço Fernandes scrisse una lettera ai suoi amici riferendosi all’intenzione del re di costruire una torre vicino a Restelo Velho, ritenendola essenziale.

Il progetto è stato avviato su uno sperone di roccia basaltica a breve distanza dalla riva del fiume, usando parte della pietra raccolta per costruire il Monastero di Santa Maria de Belém. La torre fu progettata dall’architetto militare Francisco de Arruda, chiamato “Maestro delle opere della roccaforte di Belém” dal re Manuel, e nel 1516 iniziò a ricevere 763 blocchi e 504 pietre per la sua costruzione, consegnati da Diogo Rodrigues, tesoriere del progetto . Mentre la costruzione procedeva, un uomo di guerra chiamato Grande Nau (Grande Nave), una nave pesantemente armata da 1000 tonnellate continuò a sorvegliare l’estuario alla foce del Tago fino al completamento del forte.

L’edificio fu terminato nel 1519, appena due anni prima della morte di Manuel, e Gaspar de Paiva fu temporaneamente di stanza per comandare la fortezza; la sua commissione fu resa permanente il 15 settembre 1521, quando fu nominato primo capitano generale, o alcalde, e la fortezza fu chiamata Castello di San Vincenzo (Castelo de São Vicente de Belém), in onore del santo patrono di Lisbona .

Nel 1571, Francisco de Holanda consigliò al monarca che era necessario migliorare le difese costiere per proteggere la capitale del regno. Suggerì la costruzione di un forte “forte e inespugnabile” che potesse facilmente difendere Lisbona e che la Torre di Belém “dovesse essere rafforzata, riparata e completata … che è costata così tanto senza essere completata”. D’Holanda ha progettato un bastione rettangolare migliorato con diverse torrette. Nel 1580, dopo alcune ore di battaglia, il presidio di stanza nella torre si arrese alle forze spagnole sotto il comando del duca di Alba. Dopo questa sconfitta, i sotterranei della torre servirono come prigione fino al 1830. Fu anche durante l’ultimo quarto del XVI secolo che iniziò la costruzione della Caserma delle Filippine.

Nel 1589, Filippo I del Portogallo ordinò all’ingegnere italiano fra João Vicenzio Casale di costruire un forte ben difeso da costruire al posto del “castello inutile di São Vicente”. L’ingegnere ha presentato tre progetti, proponendo che il bastione sarebbe circondato da un altro bastione di dimensioni maggiori, ma il progetto non si è mai materializzato.

Un codice del 1633 per la Casa di Cadaval fu inserito in uno dei piani, in uno degli archi della caserma e nei quattro archi più grandi nella parte superiore della facciata meridionale. Allo stesso modo, un riferimento all’anno 1655 fu inciso su una targa posta sulla parete nord del chiostro, che certificava la funzione della torre come punto di controllo doganale e per la navigazione lungo il Tago; le navi furono obbligate a pagare una tassa quando entrarono nel porto, che fu imposto in modo incrementale.

Tra il 1780 e il 1782, sotto il regno di Maria I del Portogallo, il generale Guilherme de Valleré costruì il Forte do Bom Sucesso, la cui batteria era collegata da una parete del corridoio occidentale alla torre. Quando le forze francesi invasero Lisbona durante la guerra peninsulare, i distaccamenti delle loro truppe furono divisi nella torre dal 1808 al 1814. Dopo che i francesi si ritirarono, Lord Beresford consigliò che le batterie di artiglieria costiera dovevano essere rinforzate lungo il Tago e notò specificamente che batterie più forti dovrebbero essere collocato ai lati del bastione della torre, con i carri posizionati per proteggere meglio i soldati, poiché le mura erano molto basse.

Il re Miguel I (1828–1834) usò i sotterranei per imprigionare i suoi avversari liberali, mentre un altro livello fu usato come casa su misura per le navi fino a quando il servizio sulle navi straniere fu abolito nel 1833. La torre ricevette potenziamenti militari nel 1589 e nel 1809–1814 .

Durante il regno di Maria II, Almeida Garrett protestò contro il degrado del sito e sotto la persuasione del duca di Terceira, furono avviati i lavori di ristrutturazione dell’ingegnere militare António de Azevedo e Cunha. Nel 1845-1846 demolì la caserma filippina ed estese elementi rinascimentali (come i merli corazzati, la balaustra della veranda lungo la facciata meridionale, la fascia allacciata nel chiostro e la nicchia con un’immagine della Vergine con Bambino).

Nel 1865-1867 fu installato un faro sulla terrazza sud-est dell’edificio e fu avviato un servizio di telegrafo, mentre vicino fu costruita una fabbrica di gas, producendo fumo che suscitò molte proteste. Le prime mosse per preservare e riabilitare la torre sono iniziate nella seconda parte del 20 ° secolo. In primo luogo, la torre fu trasferita al Ministero delle Finanze nel 1940, che intraprese piccoli lavori di conservazione. Quindi i quartieri militari sugli spalti furono rimossi e fu costruito il chiostro interno. La designer di paesaggi architettonici António Viana Barreto iniziò un progetto triennale nel 1953 per integrare la torre con il litorale locale. Nel 1983 il sito ha ospitato la 17a Mostra europea di arte, scienza e cultura e sono stati intrapresi vari progetti che coinvolgono l’edificio, tra cui il chiostro con una cupola di plastica trasparente.

Negli anni ’90, la proprietà fu trasferita all’Instituto Português do Património Arquitectónico (precursore di IGESPAR), che iniziò un restauro completo dell’edificio che durò dal febbraio 1997 al gennaio 1998; questo includeva il rinforzo della torre e del bastione, il rinforzo dei supporti del balcone sud con aste in acciaio inossidabile e resina epossidica, il trattamento dei giunti della malta e la pulizia generale della struttura. Le statue di San Vincenzo di Saragozza e dell’Arcangelo Michele ricevettero lo stesso trattamento. Nel 1999 il progetto ha ricevuto il premio Europa Nostra per il suo restauro degli esterni. La Torre di Belém è stata aggiunta il 7 luglio 2007 al registro delle Sette Meraviglie del Portogallo.

Architettura
La Torre di Belém si trova sulla riva settentrionale del fiume Tago nella parrocchia civile di Santa Maria de Belém, comune di Lisbona, accessibile all’estremità occidentale dell’Avenida de Brasília da un piccolo ponte. Nelle vicinanze si trovano il monastero di Jeronimos ad est e il forte Bom Sucesso (Forte do Bom Sucesso} ad ovest), mentre a nord si trovano la residenza del governatore della torre, l’antica residenza del governatore per il forte Bom Successo e la cappella di São Jerónimo.

La torre è isolata lungo la riva del fiume, tra la banchina di Bom Sucesso e Pedrouços, su un affioramento basaltico di rocce appartenenti al complesso vulcanico geomorfologico di Lisbona-Mafra. Sebbene varie guide abbiano affermato che la torre fu costruita nel mezzo del Tago, e ora si trova vicino alla riva dopo il terremoto del 1755 che reindirizzò il fiume, non sono corretti. Il Ministero della Cultura portoghese (Ministério da Cultura) e l’Istituto per i beni architettonici indicano che la torre fu costruita su una piccola isola vicino alla riva del Tago, di fronte alla riva di Restelo. Man mano che lo sviluppo estendeva progressivamente il litorale, sempre più parte della sponda settentrionale si insinuava verso sud nel Tago, con il tempo la torre si integrò nella riva del fiume.

La Torre di Belém è stata costruita da un calcare bianco-beige locale nell’area di Lisbona e da lì si chiama Lioz. L’edificio è diviso in due parti: il bastione e la torre a quattro piani situata sul lato nord del bastione.

La torre del XVI secolo è considerata una delle opere principali dello stile manuelino tardo gotico portoghese. Ciò è particolarmente evidente nella sua elaborata volta a costole, nelle croci dell’Ordine di Cristo, nelle sfere armillari e nella corda attorcigliata, comune allo stile manuelino organico di ispirazione nautica.

Esterno
Il piano dell’edificio è costituito da una torre rettangolare e da un bastione irregolare esagonale, con fianchi allungati, che sporge a sud nel fiume. È fondamentalmente un grande spazio verticale articolato appoggiato su una lastra di pietra orizzontale, coperto da recinzioni in muratura. Nell’angolo nord-est della struttura, protetto da un muro difensivo con bartizan, si trova un ponte levatoio per accedere al baluardo, decorato con motivi vegetali, sormontato dallo stemma reale e fiancheggiato da piccole colonne, completato da sfere armillari. Le sfere armillari manueline compaiono all’ingresso della torre, a simboleggiare le esplorazioni nautiche del Portogallo, e furono usate sullo stendardo personale del re Manuele I per rappresentare le scoperte portoghesi durante il suo dominio. La corda intagliata, intrecciata decorativa e gli eleganti nodi indicano anche il Portogallo

All’esterno del bastione inferiore, le pareti hanno spazi per 17 cannoni con feritoie che offrono una vista sul fiume. Il livello superiore del bastione è coronato da una piccola parete con bartizan in punti strategici, decorata da scudi arrotondati con la croce dell’Ordine di Cristo che circonda la piattaforma. Il re Manuele I era un membro dell’Ordine di Cristo, quindi la croce dell’Ordine di Cristo è usata più volte sui parapetti. Questi erano un simbolo del potere militare di Manuel, poiché i cavalieri dell’Ordine di Cristo parteciparono a diverse conquiste militari in quell’epoca. I bartizan, torrette cilindriche (gueriti) negli angoli che fungevano da torri di avvistamento, hanno mensoloni con ornamenti zoomorfi e cupole ricoperte di creste insolite nell’architettura europea, sormontate da ornamenti ornamentali. Le basi delle torrette hanno immagini di animali, tra cui un rinoceronte. Questo rinoceronte è considerato la prima scultura di un tale animale nell’arte dell’Europa occidentale e probabilmente raffigura il rinoceronte che Manuele I mandò a Papa Leone X nel 1515.

Mentre la torre è prevalentemente in stile manuelino, incorpora anche caratteristiche di altri stili architettonici. Fu costruito dall’architetto militare Francisco de Arruda, che aveva già supervisionato la costruzione di diverse fortezze nei territori portoghesi in Marocco. L’influenza dell’architettura moresca si manifesta nelle delicate decorazioni, nelle finestre ad arco, nei balconi e nelle cupole a coste delle torri di guardia.

La torre ha quattro piani, con fenestrazioni e merlature, il piano terra è occupato da una cisterna a volta. Al primo piano, c’è una porta rettangolare esposta a sud con finestre ad arco a est e nord e bartizan negli angoli nord-est e nord-ovest. La parte meridionale del secondo piano è dominata da una veranda coperta con una loggia (matacães), costituita da un porticato a sette arcate, poggiante su grandi mensoloni con colonnine. È coperto da una pietra intrecciata per formare un portico, e il suo tetto inclinato termina in una corda attorcigliata scolpita. Le mura orientali, settentrionali e occidentali sono occupate da recinti a doppio arco, con gli angoli nord-est e nord-ovest occupati dalle statue di San Vincenzo di Saragozza e dall’arcangelo Michele nelle nicchie. Il terzo piano ha finestre gemelle nelle facciate nord, est e ovest, con colonnine, intervallate da due sfere armillari e grande rilievo con lo stemma reale. L’ultimo piano è circondato da una terrazza con scudi dell’Ordine di Cristo, una porta ad arco settentrionale e una finestra ad arco orientale. La terrazza è chiusa da un muretto con merli piramidali colonnati con bartizan nei quattro angoli. Una terrazza simile sopra questo piano offre una vista sul paesaggio circostante.

interno
L’interno del bastione, con una scala circolare all’estremità nord, ha due sale contigue con soffitti a volta sostenute da archi in muratura, oltre a quattro armadietti e strutture sanitarie. Nel bunker del piano terra, il pavimento è inclinato verso l’esterno, mentre i soffitti sono sostenuti da pilastri in muratura e spine a volta. La volta gotica delle costole è evidente in questa casamatta, nelle sale della torre e nelle cupole delle torri di avvistamento sulla terrazza del bastione. Gli scomparti periferici ai bordi del bunker consentono ai singoli cannoni di occupare il proprio spazio, con il soffitto progettato con diverse cupole asimmetriche di varie altezze. I magazzini ausiliari furono successivamente utilizzati come celle di prigione.

Due arcate si aprono sul chiostro principale a nord e sud, mentre sei arcate spezzate si estendono lungo le parti orientale e occidentale del chiostro, intervallate da pilastri quadrati all’interno del bastione, con sfaccettature di gargoyle. Il chiostro aperto sopra la casamatta, sebbene decorativo, è stato progettato per dissipare il fumo di cannone. Il livello superiore è collegato da una ringhiera decorata con croci dell’Ordine di Cristo, mentre sulla terrazza lo spazio ha colonne in aumento sormontate da sfere armillari. Questo spazio potrebbe essere utilizzato anche per la fanteria di calibro leggero. Questa è stata la prima fortificazione portoghese con una postazione di armi a due livelli e segna un nuovo sviluppo nell’architettura militare. Alcune decorazioni risalgono al restauro del 1840 ed è in stile neo-manuelino, come la decorazione del piccolo chiostro sul bastione.

Sulla parte meridionale della terrazza del chiostro è raffigurata la Vergine con il bambino. La statua della Vergine di Belém, indicata anche come Nossa Senhora de Bom Successo (Nostra Signora del Buon Successo), Nossa Senhora das Uvas (Nostra Signora dell’uva) o Virgem da Boa Viagem (Vergine del ritorno sicuro) con un bambino nella mano destra e un grappolo d’uva nella sinistra.

La torre è larga circa 12 metri (39 piedi) e alta 30 metri (98 piedi). L’interno del primo piano contiene la Sala do Governador (Sala del Governatore), uno spazio ottagonale che si apre nella cisterna, mentre negli angoli nord-est e nord-ovest sono corridoi che collegano i bartizan. Una piccola porta fornisce l’accesso tramite una scala a chiocciola ai piani successivi. Al secondo piano, la Sala dos Reis (King’s Hall) si apre sulla loggia che si affaccia sul fiume, mentre un piccolo camino ad angolo si estende da questo piano al camino del terzo piano nella Sala das Audiências (Sala delle udienze). I soffitti di tutti e tre i piani sono coperti da lastre di cemento cavo. La cappella del quarto piano ha un soffitto a volte a crociera con nicchie emblematiche dello stile manuelino, sorrette da mensole scolpite.

Caratteristiche
Il monumento riflette le influenze islamiche e orientali, caratterizzate dallo stile manuelino e segna la fine del tradizionale medievale delle torri degli omaggi, provando uno dei primi bastioni per l’artiglieria nel paese (vedi fortezze).

Parte della sua bellezza risiede nell’esterno decorativo, ornato con archi e scolpiti nella pietra, gallerie aperte, torri di avvistamento in stile moresco e merlature a forma di scudi decorati con sfere armillari, la croce dell’Ordine di Cristo e elementi naturalistici, come un rinoceronte, allusivo alla navigazione. L’interno gotico sotto la terrazza, che fungeva da armeria e prigione, è molto austero.

La sua struttura è composta da due elementi principali: la torre e il bastione. Negli angoli della terrazza della torre e del bastione, si erge una sentinella cilindrica coronata da cupole di gemme, [necessità di chiarimento] riccamente decorata in pietra bugnata.

La torre quadrangolare, di tradizione medievale, sorge su cinque piani sopra il bastione, ovvero:

Primo piano – Sala del governatore.
Secondo piano – Kings ‘Room, con soffitto ellittico e stufa decorata a mezza palla.
Terzo piano – Aula di tribunale
Quarto piano – Cappella
Quinto piano – Tower Terrace
La nave poligonale del bastione, sfogata da un chiostro, apre 16 cannoniere per fuoco di artiglieria superficiale. L’argine, decorato con merlature, costituisce una seconda linea di fuoco, in cui si trova il santuario di Nostra Signora del Buon Successo con il Bambino, noto anche come la Vergine del Restelo da “Vergine dell’uva”.

funzioni

Proteggere la città
Nel XV e XVI secolo, Lisbona divenne un centro commerciale mondiale grazie alle Scoperte. Al fine di proteggere la città, il re João II concepì un piano di difesa strategica per il fiume Tago costruendo le torri di S. Sebastião da Caparica e Santo António a Cascais. Ciò in aggiunta al progetto della Torre di Belém, ordinato dal re Manuele I, consentì il fuoco incrociato tra le due sponde del fiume e quindi impedirono l’ingresso di navi nemiche.

Architettura militare
La Torre di Belém è una testimonianza della natura di transizione dell’architettura militare, con caratteristiche di difesa del Medioevo e anche del Rinascimento moderno.

Questo monumento combina l’originalità di una torre di guardia con una moderna struttura avanzata e ben armata, che è stato uno dei primi baluardi con le casamatte integrate in Portogallo.

Simboli del potere manuelino
Il re Manuele I voleva che la Torre di Belém, situata all’ingresso della capitale del regno, affermasse chiaramente il suo potere. Pertanto, il re ordinò che tutta la sua araldica fosse apparentemente scolpita: le armi reali, presenti anche nello scudo del Regno del Portogallo; il suo emblema personale di natura universalistica – la sfera armillare e il simbolo dell’Ordine di cui era amministratore e che simboleggiava l’estensione del cristianesimo – la croce di Cristo.

La torre come prigione
Oltre alla sua funzione di difesa di Lisbona, la Torre di Belém serviva anche da prigione di stato. Gli oppositori del potere politico furono detenuti qui, principalmente durante i regni di Filipe I del Portogallo, D. João IV, D. José e D. Miguel. I prigionieri erano detenuti principalmente nel seminterrato del baluardo, un’area originariamente destinata a servire come deposito, ma anche in altre stanze della Torre.

Dopo la costruzione e i successivi rinforzi, la Torre di Belém ha visto diminuire la sua importanza strategica e ha iniziato ad assumere altre funzioni come il controllo doganale.

In seguito al terremoto di Lisbona del 1755, il Marchese di Pombal usò la Torre di Belém per controllare il movimento delle navi lungo il fiume Tago e per impedire che le merci saccheggiate fossero portate via dalla città in rovina.

La Torre servì anche a supportare le comunicazioni: intorno al 1810 fu posto un telegrafo sulla sua terrazza superiore e, nel 1865, un faro fu posto sul bordo della terrazza murata e vi rimase fino al 1940.

Punto di riferimento
La Torre di Belém è uno dei monumenti più notevoli di Lisbona e del Portogallo, un punto di riferimento dell’identità portoghese e un simbolo di un paese di fronte al mare e alle sue scoperte. La sua lunga storia è fatta di numerosi episodi segnati dai diversi usi che è stato dato dal tempo e scoprire 500 anni di storia portoghese attraverso questa mostra.

Patrimonio dell’umanità
Nel 1983, la Torre di Belém è stata classificata dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, insieme al Monastero di Jerónimos.

Questa è innegabile prova del riconoscimento internazionale del suo grande valore storico e simbolico. Tra il 1994 e il 1999 è stato realizzato un progetto esemplare di conservazione e la Torre è stata riabilitata utilizzando le più moderne tecniche di pulizia e conservazione.

Tags: