Artissima 2019: La dualità del desiderio e censura, Torino, Italia

La dualità Desiderio / Censura è il filo conduttore della 26a edizione della Fiera che nel 2019 presenta sette sezioni: Main Section, New Entries, Dialogue, Present Future, Back to the Future, Art Spaces & Editions e Disegni. Per la prima volta la Fiera presenta il focus Hub Middle East, un nuovo progetto che si propone di offrire una panoramica delle gallerie, delle istituzioni e degli artisti attivi in ​​un’area geografica di fondamentale importanza per l’evoluzione della società contemporanea.

Come unica fiera in Italia dedicata esclusivamente all’arte contemporanea, Artissima accoglie oltre 55.000 visitatori con un programma che mantiene l’identità sperimentale e d’avanguardia della fiera proponendo idee originali in risposta agli stimoli generati dagli sviluppi più interessanti del nostro tempo.

Rinomata a livello internazionale per la sua attenzione alle pratiche pionieristiche e come trampolino di lancio per artisti e gallerie emergenti, Artissima è un evento unico che attira ogni anno un vasto pubblico di collezionisti, professionisti del settore e amanti dell’arte. Ad ogni edizione, la fiera si conferma come un favorito internazionale per curatori, direttori di istituzioni artistiche e fondazioni, così come i patroni di musei di tutto il mondo che sono coinvolti a vario titolo nel suo programma.

La mostra
Il tema della 26a edizione di Artissima è la dualità desiderio / censura. L’obiettivo è quello di stimolare tempestivi e vario riflessioni sul potere dell’immagine: ambizioni e utopie contemporanee, gli impulsi che plasmano i nostri tempi, e le prospettive e le narrazioni che li attraversano. La vitalità di Artissima e la sua forza innovativa risuona in tutta la città, grazie ai tanti progetti culturali realizzati in collaborazione con istituzioni pubbliche, musei, fondazioni e gallerie di tutta la regione.

Attraverso la fiera e queste collaborazioni, Artissima conferma il suo ruolo nel contribuire alla crescita del mercato italiano dell’arte contemporanea, stimolare e sostenere i collezionisti con un occhio all’innovazione, e una visione critica e curatoriale in continua evoluzione.

Artissima 2019, ispirato al tema versatile del desiderio / censura, scruta da vicino le ambizioni e le utopie della società contemporanea, narrata da 209 gallerie internazionali che prenderanno parte alle varie sezioni: sezione principale (che caratterizza le gallerie più acclamati sulla scena internazionale scena artistica), Dialogue (che presenta opere di 1 o 2 artisti in dialogo), Art Spaces and Editions (dedicate alle gallerie che propongono edizioni, stampe e multipli di artisti contemporanei), New Entries (la sezione sulle giovani gallerie più interessanti, con meno di 5 anni di attività), Ritorno al futuro (incentrato sulle grandi pionieri dell’arte contemporanea), Present Future (incentrato sui talenti emergenti), disegni (focalizzata su disegni).

La vitalità di Artissima risuona anche in tutta la città, grazie ad un ricco calendario di eventi collaterali: Estratto Sesso: Non abbiamo nessun vestito, solo attrezzature, l’innovativo progetto espositivo di fuori del sito focalizzato sul tema del desiderio e occupare gli spazi di Jana, la storica boutique torinese, con le opere presentate dalle gallerie partecipanti alla Fiera; Artissima telefono, un progetto espositivo creato con e per gli spazi della OGR – Officine Grandi Riparazioni, offrendo un sondaggio del uso del telefono come mezzo d’arte ..

Ma l’amor mio non muore, grande installazione scultorea dell’artista Marcello Maloberti allestita presso l’Hotel Principi di Piemonte di UNA Esperienze; Il lavoro italiano, il sorprendente intervento artistico dello scultore britannico Richard Wilson installato presso Domus Lascaris per celebrare il 50 ° anniversario del set di un film a Torino; la videoinstallazione L’amore è il messaggio, il messaggio è la morte di Arthur Jafa, vincitore del PIAC – Prix International d’Art Contemporain, a Palazzo Madama.

Untitled (Lay-out Painting), 1988, di Endre Tót, acrilico su tela. Per gentile concessione dell’artista e ACB Gallery. Fotografia: Dávid Tóth Delle sette sezioni della fiera, tre sono guidate da un curatore, inclusa una forte uscita da Ritorno al futuro (coordinata dalla direttrice della GAMeC Lorenza Giusti), che si concentra sulla riscoperta dei pionieri dell’arte contemporanea. Non è come se avessimo dimenticato il sempre brillante William Wegman, anche se apprezziamo sempre l’occasione per sbirciare nel suo meraviglioso mondo di Weimeraners, questa volta attraverso i disegni degli artisti a Florence Loewy di Parigi. Buona anche la presentazione dei dipinti Lay-out di Endre Tót (1988-1991) della Acb Gallery con sede a Budapest: le tele geometriche e incisive alludono al design industriale degli anni ’80 (dai floppy disk alla Ferrari Tettarossa) e ai layout visivi di riviste e giornali.

Nel 2019 la fiera presenta due nuovi progetti off-site: “Artissima Telephone”, presso OGR-Officine Grandi Riparazioni, che presenta opere realizzate per il telefono; e “Sex astratta. Non abbiamo vestiti, solo attrezzatura ”, che all’interno di una storica boutique del centro città esplora i territori del desiderio e della censura, approfondendo il tema di quest’anno.

Sezioni
Nella sezione principale della fiera, il progetto Red Regatta della Biennale di Venezia dell’artista americana Melissa McGill è salpato per Torino, dove Mazzoleni ha messo in scena una mostra monografica di fotografie e opere di tela per vele dipinte a mano. Galerie Rolando Anselmi aveva una tela pastello semplicemente sublime da Gianni Pellegrini, mentre Visaterna ha avuto un forte stand con opere di fotografi Guido Guidi, Takashi Homma e Lorenzo Vitturi. Ed era impossibile perdere la spettacolare installazione di tubi in PVC nero di Muhannad Shono, che ha completamente inghiottito la galleria ATHR di Jeddah, parte del programma Hub Middle East di Artissima lanciato di recente.

Castello di Rivoli
artista svizzero Claudia Comte requisisce la galleria all’ultimo piano della residenza storica del Castello di Rivoli, con una serie di grandi interventi murali percezione-shifting, in parte ispirato al 18 ° secolo, motivi decorativi presenti in tutta la proprietà. La ricerca di Comte per la sua mostra site-specific includeva anche uno studio delle formazioni rocciose specifiche del luogo in cui si trova il museo ai margini di Torino.

Palazzo Madama
La Fondazione Prince Pierre de Monaco presenta un’opera video Arthur Jafa – vincitore del 47 ° Premio Internazionale d’Art Contemporain (PIAC), che viene assegnato ogni tre anni per recente lavoro di un artista. L’artista nato nel Mississippi ha vinto il premio di € 75.000 a ottobre con il suo film acclamato Love is the Message, the Message is Death (2016), una toccante riflessione sulla storia e l’esperienza dei neri in America. Nel Palazzo Madama, però, il film assume un nuovo significato stridente, uno che è senza dubbio in contrasto con la sua opulenta circonda.

Officine Grandi Riparazioni (OGR)
Monica Bonvicini si sta rendendo di casa a Torino con un intervento architettonico su larga scala negli ex locali industriali delle OGR. Tagliando in due lo spazio espositivo, l’artista italiano pone le basi per un duplice spettacolo di scultura e fotografia. Più impressionante è lo scheletro di legno di una struttura semi-costruito che ha le sue radici nel 1970 californiano architettura residenziale, anche se i suoi ‘residenti’ lascerà un brivido nelle ossa.

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
Berlinde De Bruyckere ha compiuto un salto monumentale nella sua pratica artistica, con una serie di lavori site specific che traggono ispirazione da una visita a un laboratorio di commercianti di pelli ad Anderlecht, in Belgio. Nello spazio severo della fondazione, le pelli animali appena scuoiati sono impilati sul pallet di grandi dimensioni e rivestiti in sale, per proteggere e preservarli per trattamenti futuri.

Sesso astratto: non abbiamo vestiti, solo attrezzature
Qual è la posta in gioco nell’idea di desiderio? I curatori Lucrezia Calabrò Visconti e Guido Costa ipotizzano che il desiderio oggi sia “completamente invischiato in quello che chiamiamo” regime pornografico “. Alla mostra off-site R-rated che occupa la boutique di moda cult Jana in Via Maria Vittoria, i visitatori avrebbero incontrato, tra le altre opere, un cappello da barca apparentemente innocente di Simon Fujiwara; una tenda glitter-oro evoca la strana di flag-planting’ di Wu Tsang; e di Thomas Hamen Asstral viaggiatore (lasceremo po ‘di spazio per l’immaginazione).

Art Mapping Piemonte
Artisti Zhang Enli, Oliver Mosset e Mario Ario creeranno installazioni site-specific nella regione Piemonte al di fuori della città di Torino, che vanno da un opera scultorea nella chiesa sconsacrata di San Remigio ad un affresco nella cappella rurale di Montabone. L’iniziativa è stata prodotta dalla Fondazione Torino Musei e curata da Bonacossa per Artissima.

Artissima
Artissima è importante fiera d’arte contemporanea più in Italia. Artissima è l’Italia di lunga esecuzione ed emozionante fiera d’arte contemporanea. L’evento si concentra sulla fornitura di una piattaforma per la creatività sperimentale e innovativo. Molte gallerie partecipano ogni anno.

Più di 200 espositori sono infatti attesi in fiera ogni edizione. L’opera d’arte è divisa in diverse parti curate che offrono qualcosa di leggermente diverso. In primo luogo, v’è la sezione principale. In secondo luogo, v’è una parte l’introduzione di artisti nuovi e giovani sotto i 40 yearls vecchi. In terzo luogo, una sezione presenta mostre personali per il periodo compreso tra il 1960 e il 1990. Infine, un’ultima sezione è interamente dedicata ai disegni. Come un evento vivace e stimolante, Artissima attira numero di appassionati d’arte e professionisti. Si svolge in autunno di ogni anno a Torino che tiene pure.

Present Future è la sezione che Artissima ha dedicato ai talenti emergenti, con meno di 40 anni, selezionati da un board di giovani curatori di tutto il mondo. Gli artisti sono presentati dalle loro gallerie di rappresentanza e le opere includono nuove produzioni e progetti che vengono esposti per la prima volta in Italia e in Europa.

Ritorno al futuro è la sezione che Artissima ha dedicato ai grandi pionieri dell’arte contemporanea. La sezione – aperto anche al Estates artisti – mostra opere realizzate tra il 1960 e il 1999. Gli obiettivi della sezione di portare artisti internazionali che hanno avuto un ruolo fondamentale nella schiena l’arte contemporanea alla ribalta. Per il grande pubblico, Ritorno al futuro è un’occasione unica per conoscere importanti opere di quegli anni in dialogo con la sperimentazione odierna.

Disegni è la sezione di Artissima dedicata al mezzo espressivo del disegno. La sezione vuole celebrare una disciplina artistica capace di esprimere l’immediatezza e il pensiero dietro il gesto creativo, esistente in uno spazio sospeso tra idea e opera finita.

Dalla sua istituzione nel 1994, si è unito alla presenza di un mercato internazionale con un focus sulla sperimentazione e la ricerca. Artissima presenterà tre progetti espositivi nei musei della Fondazione Torino Musei (Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica e Museo d’Arte Orientale). 2020, un nuovo formato, esteso in tutta la città e on-line che riunisce le mostre fisici e progetti digitali.

Tags: