Artissima 2018: il tempo è dalla nostra parte, Torino, Italia

Nel 2018 Artissima celebra il suo 25 ° anniversario e include molte novità, come una nuova sezione curata, Sound dedicata alla ricerca sonora contemporanea e allestita al di fuori degli spazi istituzionali di Artissima, presso le OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino, che si unisce alla consolidata Aree Back to the Future, Present Future e Disegni, coordinate da board internazionali di curatori e direttori e rispettivamente focalizzate sui grandi pionieri dell’arte contemporanea, sui talenti emergenti e sul disegno.

Artissima 2018, come suggerisce il suo tema, approfondisce le nozioni di “tempo”. Il tempo è dalla nostra parte perché il fil rouge della 25a edizione è visto non come un fermo immagine statico di memoria e celebrazione, ma come un flusso dinamico capace di scandire il ritmo del cambiamento, catturando il tempo di sospensione emotiva attivato dalle opere di arte.

Il “tempo” di Artissima assume così una duplice valenza: quella di un passato eloquente, e quella di un futuro aperto alle esplorazioni creative. La fiera parte, infatti, dalla propria storia e identità – un percorso coerente di costante rinnovamento e sperimentazione, ma sempre capace di conservare un proprio carattere riconoscibile – per partecipare alla costruzione della futura storia dell’arte.

La vitalità di Artissima e la sua forza innovativa risuonano in tutta la città, grazie alla collaborazione attiva di numerose istituzioni pubbliche, musei, fondazioni e gallerie, in un contesto di interazione con progetti culturali di tutta la Regione.

La fiera presenta ancora una volta 8 settori della galleria, quattro curati (Present Future, Back to the Future, Disegni e Sound) e quattro selezionati dal comitato della fiera (Main Section, New Entries, Dialogue e Art Spaces & Edition), tra cui un nuovissimo uno intitolato Sound dedicato a questo mezzo artistico in modo premier. I visitatori potranno inoltre godere di un nuovo progetto educativo intitolato Artissima Experimental Academy, che sarà inaugurato con la struttura DAF durante l’evento.

Artissima assegnerà inoltre sette premi per artisti e gallerie, assegnati da giurie internazionali: Premio Fondazione Ettore Fico, illy Present Future Prize, Sardi per l’Arte Back to the Future Prize, Campari Art Prize, OGR Award, Refresh Irinox Prize, e il nuovo onore di quest’anno, l’EDIT Dinner Prize.

Artissima presenta anche gallerie affermate (Main Section), giovani gallerie che hanno aperto negli ultimi 5 anni (New Entries), progetti che interfacciano 2 o 3 artisti (Dialogue), e una sezione sulle pubblicazioni di arte contemporanea (Art Spaces & Editions).

Artissima ha anche un impatto economico significativo sulla città, generando un afflusso pari a 3,7 milioni di euro ogni anno, al di là del proprio budget di spesa. La fiera conferma così il suo ruolo dinamico, contribuendo alla crescita del mercato dell’arte italiano, stimolando e supportando i collezionisti con un occhio di riguardo all’innovazione in una visione critica e curatoriale in continua evoluzione.

La mostra
Dedicato ai professionisti e agli amanti dell’arte, Artissima si è concentrata su pratiche sperimentali, fornendo una piattaforma per gallerie e artisti affermati ed emergenti. Da un quarto di secolo è un attore importante nel mercato dell’arte italiano e un appassionato conservatore delle arti attraverso progetti che esplorano sia il passato che il futuro. Diretta da Ilaria Bonacossa per il secondo anno consecutivo, la fiera d’arte Artissima raggiungerà un traguardo nel 2018 e segnerà 25 anni di esistenza. 189 espositori da tutto il pianeta per l’ennesima celebrazione dell’arte contemporanea.

“Il tempo è dalla nostra parte”, dalla parte di chi vuole scoprire e vivere intensamente il mondo dell’arte, assaporando e riflettendo, aprendosi all’alterità e al cambiamento. Il nostro tempo è il tempo dedicato dalle gallerie alla scoperta e riscoperta degli artisti, alla produzione delle loro opere e al supporto della loro ricerca creativa. Il tempo delle immagini capaci di attivare pensieri ed emozioni piuttosto che consumarsi passivamente. Il tempo dell’ascolto nella nuova sezione Sound, un viaggio sorprendente attraverso 15 installazioni sonore.

Il tempo accelerato di esplorazione delle opportunità offerte dalla dimensione digitale. Il tempo del disegno che è contemporaneamente un work in progress e un progetto finito, medium classico trasformato da interpretazioni contemporanee e modi di pensare innovativi. Il momento creativo di Artissima Junior in cui i giovani visitatori della fiera, insieme ad un artista, realizzeranno una grande installazione ambientale. Il tempo della convivenza e del co-design sonoro e visivo della nostra “Accademia Sperimentale” per trasformare la fiera in uno spazio di creazione e di formazione di giovani artisti. Il momento della condivisione e l’esperienza della cena di un artista, per assaporare nuovi approcci conviviali. Il tempo per la commemorazione di grandi artisti. Il tempo di Torino, città sospesa tra passato e futuro, tra tesori egizi e installazioni contemporanee,

Su 20.000 metri quadrati di spazio espositivo all’OVAL di Torino e suddiviso in 8 sezioni, Artissima 2018 presenterà 189 stand dedicati al 40% delle gallerie italiane e al 60% delle gallerie straniere. Quattro di queste sezioni – Main Section, New Entries, Dialogue e Art Spaces & Editions – sono selezionate dal comitato della fiera, mentre le altre quattro – Present Future, Back to the Future, Disegni e il già citato Sound – sono curate da team di internazionali curatori e direttori. I primi quattro settori presenteranno 136 gallerie, di cui 94 nella Main Section, 14 in New Entries, 19 in Dialogue e 9 in Art Spaces & Editions

I settori curati presenteranno il resto, a partire da Present Future, giunto alla sua 18esima edizione. Curata da Cloé Perrone, Myriam Ben Salah e Juan Canela, presenterà progetti originali di 18 artisti e 19 gallerie create appositamente per Artissima. Uno di questi artisti riceverà il Premio illy Present Future, che prevede una mostra personale negli spazi del Museo d’Arte Contemporanea del Castello di Rivoli.

In Ritorno al futuro, i visitatori possono riscoprire i pionieri dell’arte contemporanea. La nona edizione si concentrerà sugli anni tra il 1980 e il 1944, sotto la guida dei curatori Anna Daneri, Cristiano Raimondi, Gabriela Rangel e Pietro Rigolo. Qui possiamo aspettarci 21 artisti presentati da 23 gallerie. I progetti più interessanti riceveranno il Premio Sardi per l’Arte Ritorno al Futuro.

Sezioni principali
Artissima, la principale fiera d’arte contemporanea in Italia, per celebrare il suo 25 ° anniversario. La meravigliosa opportunità di innamorarsi degli ultimi sviluppi dell’arte attraverso i lavori di oltre 1.000 artisti presentati da 195 gallerie di 35 paesi.

Accanto alle quattro sezioni selezionate dal comitato della fiera (Main Section, New Entries, Dialogue, Art spaces & Editions) e alle 3 curate (Present Future, Back to the Future, Disegni), quest’anno Artissima presenterà anche Sound, una novità progetto off-site in collaborazione con OGR dedicato agli artisti che lavorano con il suono.

94 gallerie affermate che lavorano a livello internazionale, 14 gallerie emergenti che partecipano ad Artissima per la prima volta, 19 gallerie che presentano da uno a tre artisti in dialogo.

Spazi ed edizioni d’arte: edizioni limitate, stampe e multipli di artisti contemporanei e spazi no profit.

Present Future: 18 mostre personali di giovani artisti curate da Cloé Perrone (coordinatore), Myriam Ben Salah, Juan Canela.

Ritorno al futuro: 21 mostre personali di qualità museale dedicate alla riscoperta degli anni 1980-94 a cura di Anna Daneri (coordinatore), Cristiano Raimondi, Gabriela Rangel, Pietro Rigolo.

Disegni: 23 stand dedicati agli sviluppi più rilevanti del disegno come mezzo indiscusso della pratica artistica contemporanea, a cura di João Mourão e Luís Silva.

Sound (new): 16 installazioni sonore monografiche selezionate da Yann Chateigné Tytelman e Nicola Ricciardi.

Altre sezioni
La fiera presenterà otto sezioni, quattro delle quali curate, inclusa una nuova sezione dedicata al suono, sette importanti premi, un allettante programma di visite guidate da collezionisti e curatori e conferenze, nuovi sviluppi digitali e nuovi progetti interessanti.

Progetti educativi
Artissima Experimental Academy è un nuovo progetto educativo in collaborazione con COMBO che va oltre i quattro giorni di fiera e prevede una serie di incontri ed eventi per i professionisti dell’arte. Il primo appuntamento dell ‘“Artissima Experimental Academy” – realizzato con il sostegno della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT – avviene durante la fiera con il progetto DAF Struttura curato da Zasha Colah in collaborazione con Jan St. Werner, fondatore del gruppo musicale Mouse on Mars, professore all’Accademia di Belle Arti di Norimberga e professore in visita al MIT.

Artissima Junior, ideata e realizzata in collaborazione con Juventus, coinvolge i giovani visitatori in una coinvolgente esperienza artistica di partecipazione. Il progetto, curato da ZonArte, è organizzato come uno spazio laboratorio dove centinaia di bambini, insieme all’artista sudamericano Alek O., sono invitati a realizzare una grande installazione ambientale. Disegnare l’invisibile, in collaborazione con Moleskine, propone lezioni di disegno itineranti e performative guidate dall’artista Marzia Migliora per coinvolgere gli studenti amanti dell’arte in una nuova esperienza, in bilico tra creazione e contemplazione dell’arte contemporanea.

Progetti digitali
Artissima Digital, la piattaforma digitale di Artissima, implementata nel 2017 per fornire momenti di approfondimento e per offrire un’esperienza virtuale della fiera 365 giorni all’anno, ha ottimizzato i suoi processi, per il secondo anno con il supporto della Compagnia di San Paolo .

All’interno di questo progetto e per celebrare il suo 25 ° anniversario, la fiera ha lanciato Artissima Stories. 25 Years of Art, programma esclusivo di interviste in formato blog e video, coordinato da Edoardo Bonaspetti e Stefano Cernuschi con Anna Bergamasco: 25 storie su Artissima, 25 punti di vista sulla principale fiera d’arte contemporanea in Italia e le sue trasformazioni, su Torino e su arte contemporanea. Per celebrare il 25 ° anniversario e in direzione di un costante rinnovamento digitale, Artissima ha inoltre lanciato una nuovissima area VIP online, arricchita di nuove funzionalità, contenuti esclusivi e informazioni utili, al fine di fornire ai propri ospiti il ​​miglior supporto durante la fiera.

Altri progetti speciali
UniCredit, main partner di Artissima da 16 anni, incoraggiato dal successo delle ultime quattro edizioni, presenta il servizio di Art Advisory, un servizio di consulenza gratuito e indipendente rivolto a chi già colleziona arte, ma anche e soprattutto a chi ne è affascinato dall’arte ma non sempre sono in grado di orientarsi in fiera, e anche di chiedere indicazioni per quanto riguarda gli aspetti legali, fiscali e assicurativi del collezionismo. Consulenti esperti saranno a disposizione su appuntamento nell’apposito spazio UniCredit all’interno della fiera.

Carol Rama_100 years of seductions, progetto espositivo in collaborazione con Fondazione Sardi per l’Arte, celebra i 100 anni dalla nascita di Carol Rama, che racconta la personalità eclettica di un’artista che ha lasciato il segno nell’arte contemporanea italiana. Alfabeto Treccani è il nuovo progetto di Artissima in collaborazione con Treccani, a cura di Ilaria Bonacossa: un racconto enciclopedico dell’arte contemporanea italiana per immagini, attraverso una serie di multipli d’arte creati appositamente da artisti italiani di diverse generazioni.

L’Edit Dinner Party celebra la nascita di The EDIT Dinner Prize, preludio alla cena dell’artista che il primo vincitore realizzerà ad Artissima 2019, coordinato da Massimo Bartolini in collaborazione con i pluripremiati chef Costardi Bros.Il progetto è organizzato con cene serali viste come capitoli sequenziali di un unico racconto, ognuno con la partecipazione di 60 ospiti che scopriranno le caratteristiche dell’evento solo attraverso l’esperienza diretta.

Artissima
Artissima è la più importante fiera d’arte contemporanea italiana. Artissima è la lunga ed emozionante fiera d’arte contemporanea italiana. L’evento si concentra sulla fornitura di una piattaforma per la creatività sperimentale e innovativa. Molte gallerie partecipano ogni anno.

Sono infatti attesi più di 200 espositori per ogni edizione. L’opera d’arte è divisa in diverse parti curate che offrono qualcosa di leggermente diverso. In primo luogo, c’è la sezione principale. In secondo luogo, c’è una parte che introduce nuovi e giovani artisti sotto i 40 anni. In terzo luogo, una sezione presenta mostre personali per il periodo compreso tra il 1960 e il 1990. Infine, un’ultima sezione è interamente dedicata ai disegni. In quanto evento vivace e stimolante, Artissima attira numerosi appassionati e professionisti dell’arte. Si svolge in autunno di ogni anno a Torino che tiene pure.

Present Future è la sezione che Artissima ha dedicato ai talenti emergenti, con meno di 40 anni, selezionati da un board di giovani curatori di tutto il mondo. Gli artisti sono presentati dalle loro gallerie di rappresentanza e le opere includono nuove produzioni e progetti che vengono esposti per la prima volta in Italia e in Europa.

Ritorno al futuro è la sezione che Artissima ha dedicato ai grandi pionieri dell’arte contemporanea. La sezione – aperta anche alle Tenute degli Artisti – espone opere realizzate tra il 1960 e il 1999. La sezione si propone di riportare alla ribalta artisti internazionali che hanno avuto un ruolo fondamentale nell’arte contemporanea. Per il grande pubblico, Ritorno al futuro è un’occasione unica per conoscere importanti opere di quegli anni in dialogo con la sperimentazione odierna.

Disegni è la sezione di Artissima dedicata al mezzo espressivo del disegno. La sezione vuole celebrare una disciplina artistica capace di esprimere l’immediatezza e il pensiero dietro il gesto creativo, esistente in uno spazio sospeso tra idea e opera finita.

Dalla sua fondazione nel 1994 ha coniugato la presenza di un mercato internazionale con un focus sulla sperimentazione e la ricerca. Artissima presenterà tre progetti espositivi nei musei della Fondazione Torino Musei (Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica e Museo d’Arte Orientale). 2020, un nuovo format, esteso a tutta la città e online che riunisce mostre fisiche e progetti digitali.

Tags: