Categories: ArchitetturaCultura

Architettura del Kuwait

L’architettura kuwaitiana è uno stile architettonico unico del Kuwait, un paese fondato all’inizio del XVIII secolo. Prima della scoperta del petrolio, il Kuwait ha un’economia che dipende dal commercio marittimo, dalla costruzione navale, dal commercio di carovane e dall’industria delle perle. L’economia è migliorata dalla scoperta del petrolio, consentendo una maggiore crescita economica.

La città di Kuwait era circondata da un muro con cinque porte nel XVIII secolo, ma ora è scomparsa. Oltre alle mura della città, il Kuwait era protetto da due forti: uno nel Kuwait e l’altro a Jahra conosciuto come “Red Fort”.

I tradizionali materiali da costruzione del Kuwait erano macerie ricoperte da fitti intonaci di fango, mattoni di fango e talvolta pietre di Cora. Il legno era raro, anche se i pali di mangrovie importati dall’Africa orientale venivano usati per i tetti, così come alcuni altri legni selezionati dall’India. La prima architettura del Kuwait era relativamente semplice e descritta come basata sul buon senso. Le case avevano disegni esterni semplici e basici, e la maggior parte dei tocchi artistici sono stati trovati sulle porte e finestre principali. Queste case dovevano ospitare la natura comunale e unita della società kuwaitiana erano divise in quarti separati che ospitavano membri diversi di una famiglia, di solito i figli maschi del proprietario e le loro mogli. È comune trovare tribunali centrali, come nel caso di altri paesi arabi, che fungevano da luogo di ritrovo per le famiglie. Più tardi, durante il XVIII secolo, una tipica casa mercantile del Kuwait fu costruita in stile ottomano che raggiunse la città da Bassora. Le caratteristiche ottomane includevano la proiezione di balconi in legno chiusi con schermi di legno o mashrabiya e porte di legno coperte che a volte includevano motivi europei. Il calore estremo della città ha reso gli attrattori del vento e la ventilazione una necessità per la maggior parte delle case. Pelly, un “politico residente”, descrisse il Kuwait negli anni ’60 del XIX secolo come:

Related Post

Una città pulita e attiva, con un ampio e aperto bazar principale, e numerose case in pietra massiccia che si estendono lungo questa spiaggia e che contano circa 20.000 abitanti, attirando commercianti arabi e persiani da tutte le parti grazie all’equità del suo dominio e alla libertà dei suoi commercio.

All’interno della città, c’erano un certo numero di moschee, molte delle quali sono state ricostruite più volte. Le moschee più antiche del Kuwait e la patata della Moschea di Alkhamis, costruita tra il 1772 e il 1773, e la Moschea Abd AlRazzag costruita nel 1797. Prima del IX secolo, i minareti erano rari, costituiti da piccole torri quadrate coperte da tettoie.

L’architettura moderna in Kuwait è per lo più in stile internazionale, anche se ci sono diversi edifici che dimostrano una relazione con i temi del Medio Oriente. L’esempio più noto di architettura moderna del Kuwait è le torri d’acqua, costituite da alte guglie coniche a punta sopra un serbatoio d’acqua sferico. Il Kuwait Towers è anche considerato il più importante risultato architettonico del Kuwait. L’Assemblea nazionale del Kuwait è anche un edificio storico, progettato dall’architetto danese Jørn Utzon e completato nel 1972.

Share