Annecy-le-Vieux, Haute-Savoie, Auvergne-Rhône-Alpes, Francia

Annecy-le-Vieux è un ex comune francese situato nel dipartimento dell’Alta Savoia, nella regione Auvergne-Rhône-Alpes. Il 1 ° gennaio 2017 si fonde con i comuni di Annecy, Cran-Gevrier, Meythet, Pringy e Seynod, per formare un nuovo comune. Questa città, che si estende oltre le sponde nord-orientali del lago di Annecy, è diventata il sobborgo residenziale dell’agglomerato di Annecy, a meno di 3 km dal centro della città.

Storia
La storia di Annecy-le-Vieux inizia sulle rive del lago, a Petit-Port, circa 6.000 anni fa. I nostri antenati vivevano lì in capanne che l’innalzamento delle acque alla fine dell’età del bronzo li costrinse ad abbandonare.

Le popolazioni occupavano già le rive del lago di Annecy tra -4000 e -900 ed erano principalmente agricoltori e pescatori. I Celti Allobrogi occuparono a loro volta i territori delle Prealpi, dei monti Savoia e delle sponde dei grandi laghi. Ben presto hanno avuto contatti commerciali con i territori “italiani”. Occupati dal -121, gli Allobrogi furono definitivamente sconfitti dalle legioni romane nel -62 e il loro territorio si aprì alla colonizzazione romana.

I romani si stabilirono da -50 sulla sponda settentrionale del lago di Annecy, nella Plaine des Fins, ai piedi del sito di Annecy-le-Vieux, e fondarono la città di Boutae (futura Annecy), che raggruppò quasi 2000 abitanti tra II e V secolo; occupava una posizione strategica all’incrocio di tre grandi vie di comunicazione romane (Italia, Ginevra, Vienna cisalpina). Più o meno in questo stesso periodo, un proprietario romano di nome Annicio – forse della famosa e potente famiglia di patrizi romani, gli Annici – aveva un’importante villa chiamata Anniciaca, situata sul fianco della collina sotto il Monte Veyrier, nell’attuale posizione della capitale di Annecy- le-Vieux, da dove si affacciava la Plaine des Fins e il lago. Le ville romane erano infatti potenti fattorie che potevano riunire più di cento persone.

Durante il periodo gallo-romano, Annecy-le-Vieux ha ospitato molte villae (fattorie) che rifornivano Boutae, il villaggio sviluppatosi nella Plaine des Fins, a partire dal I secolo. Queste fattorie ospitano fino a un centinaio di persone che vivono praticamente in autarchia. Secondo gli studiosi del XIX secolo, è l’importante proprietà di Anicius (Anniciaca), situata sul sito dell’attuale capitale, che avrebbe dato il nome ad Annecy-le-Vieux. Indebolito dalle invasioni, il vicus di Boutae abbandonò gradualmente nel corso del VI secolo a favore della collina di Annecy-le-Vieux considerata più sicura.

A partire dal 12 ° secolo, “la piccola capitale rurale” è soppiantata da Annecy-le-Neuf che cresce sui contrafforti rocciosi di Semnoz vicino a Thiou. Da allora dedita all’agricoltura e all’allevamento, Annecy-le-Vieux subirà una profonda trasformazione dopo la seconda guerra mondiale. Il comune di circa 2.000 anime con più di 90 fattorie diventerà un comune di 21.279 abitanti (censimento 2017).

Con l’indebolimento dell’Impero Romano, molte tribù barbare si riversarono nella Gallia. I Burgundi occuparono un po ‘di tempo nella regione e lasciarono molte prove archeologiche, ma troppi attacchi, incendi, saccheggi e uccisioni, suonarono le campane a campana per la città romana di Boutae, e nel VI secolo la popolazione alla fine abbandonò completamente la città per rifugiarsi sulle colline vicine. Villa Anniciaca accolse nuovi abitanti e fu fortificata per proteggere la sua popolazione, pur continuando a vivere principalmente di agricoltura. Dal VI al XII secolo, Anniciaca raggiunse il suo periodo di massimo splendore, diventando una vera capitale rurale. Dall’anno 1107, la nuova città fortificata di Annecy-le-Neuf inizia a guadagnare importanza, la vecchia Anniciaca, che è diventata Annecy-le-Vieux, perde la sua posizione egemonica, e ritorna alle sue occupazioni agricole (viti, cereali, allevamento ),

La storia industriale di Annecy-le-Vieux iniziò nel 1857, quando Georges Paccard fondò la sua fonderia di campane sotto la città e continuò con il mulino acquistato da Joseph Cléchet nel 1868 che divenne un importantissimo mulino. Su 65 ettari, il parco economico di Glaisins, inaugurato nel 1972, riunisce più di 300 aziende operanti nei settori IT, meccanica, elettronica, alta tecnologia e bancario. Il campo universitario riunisce un IUT, una scuola di ingegneria (ESIA) e un Institute of management (IMUS) che formano più di 4000 studenti. Senza dimenticare il Laboratorio di Fisica e Particelle (LAPP) inaugurato nel 1976.

Il carattere residenziale della città sarà confermato nel XIX secolo e all’inizio del XX secolo, quando molti artisti vengono a soggiornare o ritirarsi ad Annecy-le-Vieux, per creare, riposare e godersi le magnifiche viste sul lago e sul montagne: Eugène Sue, Astolphe de Custine, John Ruskin e Gabriel Fauré, tra gli altri, sono diventati fedeli del comune. A metà del XIX secolo, sul terreno del fondo della città, si stabilirono alcune industrie, due fiori all’occhiello furono il mulino Cléchet e la fonderia Paccard Bells, che portarono la reputazione di Annecy-le-Vieux in tutto il mondo. La campana “La Savoyarde” al Sacré-Cœur di Parigi fu fusa ad Annecy-le-Vieux nel 1891. Questo drone, ancora uno dei più grandi al mondo, pesa 18.835 kg, misura 3,06 m di altezza e 9,60 m di esterno circonferenza, con uno spessore alla base di 22 cm,

Con l’attaccamento della Savoia alla Francia e l’arrivo della ferrovia, i vini francesi arrivarono a competere pericolosamente con i vini di Annecy-le-Vieux, ma furono soprattutto gli attacchi di muffa, poi di fillossera, che portarono alla riduzione e al completa scomparsa della produzione vinicola all’inizio del XX secolo. Nel 1973, gli abitanti di Annecy-le-Vieux scelsero di rimanere indipendenti e rifiutarono la fusione-incorporazione proposta da Annecy, sua vicina e sorella. Il 1 ° gennaio 2017 si fonde con i comuni di Annecy, Cran-Gevrier, Meythet, Pringy e Seynod, per formare un nuovo comune, denominato Annecy, di 121.809 abitanti (dati 2013).

Turismo
Le rive del lago, la spaziosa spiaggia di Annecy-le-Vieux, fiancheggiata da fiori, piante e alberi, è una delle più frequentate e offre ai bagnanti un ambiente armonioso. Il porto turistico ospita 214 imbarcazioni, con rampa di varo, rifatta nel 2004. I canneti, in riva al lago, sono una piacevole cornice per una passeggiata. Sono stati restaurati nel 1999, sono mantenuti e ospitano molti uccelli. Nel 2003 è stato realizzato un sentiero lungolago su una passerella pedonale e dall’inizio del 2007 è stato acquistato l’ultimo immobile (4.500 m) del comune con accesso diretto alla riva per 4,4 milioni di euro. che permetterà di rendere pubblica l’intera penisola.

Patrimonio storico

Il campanile romanico del XII secolo
È probabilmente uno dei monumenti romanici più belli dell’intera regione. Situato nel cuore storico della capitale, inizialmente faceva parte di una chiesa dedicata a Notre-Dame, a sua volta costruita sul sito di un tempio dedicato a Giove. Questo edificio di culto fu distrutto durante la Rivoluzione e nel 1849 fu costruita una nuova chiesa di San Lorenzo. Nel 1988, il restauro della torre ha riportato in vita gli affreschi del XV secolo. C’è anche una campana di bronzo “repubblicana” da 700 kg, fusa durante il periodo rivoluzionario (1792) da Jean-Baptiste Pitton e classificata come monumento storico nel 1937.

Case fortificate e castelli
Annecy-le-Vieux ha un ricco patrimonio architettonico, ma i principali edifici privati ​​non possono essere visitati.

La Villa Dunand
Il compositore Gabriel Fauré vi visse diverse estati dal 1919 al 1924. Molti musicisti vennero ad Annecy-le-Vieux per incontrare il Maestro.

Il castello di Pesse
Questa fortezza del XIV secolo prende il nome da un pesse (abete) notevole. Era anche un punto d’incontro di caccia per i duchi di Nemours.

Château de La Cour
Magnifica residenza immersa nel verde, che ha visto la nascita della “Venerabile” Anne de Guigné.

La Villa La Tour
Ha ospitato uno degli scrittori francesi più famosi del XIX secolo, Eugene Sue. Esiliato in Savoia, questo famoso attore di soap opera trascorse gli ultimi anni della sua vita ad Annecy-le-Vieux.

Le cappelle
Nei quartieri di Frontenex e Provins, due graziose cappelle testimoniano un ricco passato rurale.

Il sito sublacustre del monumento storico di Petit Port logo Inscritto MH (1991).
Il campanile di Annecy-le-Vieux Monumento storico logo MH (1908), situato nella capitale, di tipo romanzo, risale al xii secolo. La chiesa di Notre-Dame, a cui apparteneva, fu devastata durante la Rivoluzione francese. È classificato come monumento storico con decreto del 7 maggio 1908. Si tratta di un notevole campanile con due piani di finestre gemelle. La chiesa originale fu costruita sulle fondamenta di un tempio gallo-romano dedicato a Giove. La campana di bronzo fu fusa nel 1796 da Jean-Baptiste Pitton, santo viaggiante di Carouge, una città situata vicino a Ginevra. In origine era una campana repubblicana, alta 90 cm, con un diametro di 109 cm e del peso di 700 kg. È decorato con due bassorilievi, uno raffigurante un Cristo in croce, l’altro una vergine che porta il bambino Gesù. È stato classificato come monumento storico nel 1937.
L’attuale chiesa di Saint-Laurent, di tipo neoclassico sardo, fu costruita dal 1849 al 1952. La sua facciata comprende un timpano triangolare e due nicchie ospitano le statue di Saint Laurent e San Francesco di Sales. All’interno, due vongole in pietra, poste nel nartece dalla prima chiesa. C’è anche un bel Cristo ligneo del XVI secolo. Nel 1986 il comune ha fatto rifare il tetto e la facciata e nel 1995 anche l’interno. Gli organi sono opera del costruttore di organi Dunand de Lyon e risalgono al 1961.
La cappella Frontenex, costruita nel 1861 dal canonico Paul-Bernard Croset-Mouchet.
La cappella Provins, costruita nel 1877, in stile neogotico. Diverse cappelle si sono succedute in questo luogo che fu oggetto, durante le celebrazioni della Vergine e fino al XIX secolo, di rinomati pellegrinaggi locali. L’edificio attuale ospita una Pietà (Maria in lutto per il figlio morto) nascosta dai giovani di Albigny durante i giorni rivoluzionari (vedi sopra xviii secolo) classificata Monumento storico a titolo oggetto.
Il castello di Pesse è una bella casa del XIV secolo ed era un cacciatore di duchi di Nemours. Era il possesso di o di: Emyon, la Rochette, Montfalcon de Flaxieu, Viollon, Viollon de la Pesse, du Tour, Croset, Girod e Robert Friess.
Il castello della Corte, costruito prima del 1419, è un’antica roccaforte e residenza di piacere del xviii secolo. Il castello fu di proprietà della famiglia Menthon (dalle origini alla Rivoluzione) poi in particolare delle famiglie Livet e Guigné. Ha visto la nascita di Anne de Guigné (25 aprile 1911 – 14 gennaio 1922), dichiarata “Venerabile” nel 1990.
La Villa de la Tour, dove visse lo scrittore Eugène Sue.
Villa Dunand e il suo parco, dove il compositore Gabriel Fauré visse dal 1919 fino alla sua morte nel 1924, ora appartengono al comune. La villa ospita alcuni servizi comunali. Situato nella capitale, il parco Gabriel-Fauré è stato restaurato nel 2005 secondo lo stile del tempo. È un luogo di intrattenimento e incontri festosi durante l’estate.
Café Brunet, classificato come “Café storico europeo”, e noto per le sue serate filosofiche, le serate di dibattito e le serate di spettacolo.
L’Abbazia, situata sotto il capoluogo, è un quartiere del paese. Infatti, non c’è mai stata un’abbazia sul territorio di Annecy-le-Vieux, né monaci, solo terra appartenente a congregazioni religiose. Questi terreni agricoli furono originariamente venduti nel xiii secolo dal conte Guglielmo II di Ginevra, le signore dell’abbazia cistercense di Sainte-Catherine di Semnoz. Il paese ha restaurato l’antico casale dedicandolo alle arti grafiche con la scuola comunale di disegno e una sala espositiva d’arte contemporanea.

Eventi culturali e feste
Ecco i principali divertimenti offerti da Annecy-le-Vieux:
Musical Gabriel Fauré
La corsa intorno al lago, “l’Ancilevienne”.
Haute-Savoie Mont Blanc Cup, 13a edizione nell’aprile 2007. 750 giovani calciatori provenienti da sei paesi europei.
1 discoteca e diversi club privati.
L’Ancileviennerie è una tradizionale festa autunnale organizzata nel mese di ottobre.

Spazio verde
Nel 2014 la giuria regionale per il concorso Città e Borghi in fiore ha confermato il mantenimento della classifica del comune in “2 fiori”.
La popolazione ha 11 parchi e giardini pubblici, per non parlare della vasta tenuta forestale del comune: parco Raisses (2 ettari), parco Vignières / Pommaries (2 ettari in fase di sviluppo), parco Gabriel Fauré (6.700 m), parco Petit Brogny ( 6.500 m), parco Lachat (4.900 m), piazza Albigny (1.200 m), area pic-nic d’Albigny (2.500 m)… La città offre anche molti affascinanti sentieri e vicoli da percorrere che formano una vera rete pedonale che collega i vari territori.
Un nuovo spazio di 5 ettari, sia una piazza urbana che un parco paesaggistico, è al termine del suo sviluppo. Il progetto è stato scelto nel novembre 2005 dagli Ancilevians, tra quattro progetti, permette di collegare più quartieri, e comprende percorsi di traffico (auto, autobus, biciclette, pedoni), un parcheggio sotterraneo con 180 nuovi spazi troppo poco utilizzati attualmente secondo l’opposizione, uno skatepark, una struttura per la prima infanzia, un asilo e due ettari di parco paesaggistico. I lavori sono iniziati nel settembre 2006 e dovrebbero essere completati all’inizio del 2008.
La valle di Fier è un polmone verde e selvaggio situato al limite settentrionale del paese al quale costeggia per diversi chilometri. Le Fier è un torrente nelle Prealpi dell’Alta Savoia, che attraversa l’agglomerato di Annecy. Su una lunga distanza, tra il Pont de Brogny e il Pont de Tasset, la comunità dell’agglomerato di Annecy ha deciso di valorizzare questo ambiente naturale e restituirlo agli abitanti. I lavori dovrebbero iniziare nel 2007, riguardano 118 ettari di litorale.
Il Mont Rampon (957 m) e il Mont Veyrier (1.291 m) sono ricchi di sentieri escursionistici che offrono un magnifico panorama sul lago, su tutto l’agglomerato di Annecy e sulle montagne (Aravis, Tournette, Semnoz e l’altopiano degli Glières).
Il monte Rampignon (894 m) offre un percorso botanico di circa due ore di cammino, e permette anche di avere magnifiche viste sulla città di Annecy e sul lago.
Il 10 ottobre 2010 è stata lanciata in quattro anni l’operazione “21.000 alberi per 21.000 antenati”. Durante il primo anno sono stati piantati oltre 3.500 alberi, principalmente querce, tigli e ginepri, in luoghi pubblici e privati.

Tags: