1 ° arrondissement di Lione, Francia

Il 1 ° arrondissement di Lione è uno dei nove arrondissement di Lione. Si trova sulle pendici della Croix-Rousse e nella parte settentrionale della penisola formata dalla Saona e dal Rodano. Il primo arrondissement è stato creato il 24 marzo 1852. Segnato dalla sua storia, è parte integrante del sito classificato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1998. Il contrasto del suo territorio lo rende attraente dal punto di vista storico, ma anche dal un punto di vista culturale ed economico.

Il territorio del 1 ° arrondissement, grazie alla sua posizione centrale, riunisce importanti luoghi del patrimonio di Lione e strutture culturali rappresentative di Lione: L’anfiteatro dei Tre Galli, I traboule più atipici di Lione, Il municipio, Place de la Comédie , L’Opera, Place de la Comédie, Place des Terreaux, Il Museo delle Belle Arti, Place des Terreaux, Cour des Voraces, 9 place Colbert, Saint-Bruno des Chartreux: l’unica chiesa barocca di Lione. La chiesa conserva una serie di dipinti dei secoli XVII e XVIII di primo ordine.

Storia
La collina di Saint-Sébastien, precedentemente situata a Franc-Lyonnais, fu incorporata nella città di Lione nel 1512, quando Luigi XII decise di costruire fortificazioni in cima alle pendici per difendere la città di Lione. Il 1 ° arrondissement è uno dei cinque creati il 24 marzo 1852 con decreto presidenziale.

Comunità
I nove arrondissement di Lione sono le divisioni amministrative della città di Lione. A differenza del modello a spirale degli arrondissement di Parigi o del modello tortuoso di quelli di Marsiglia, il layout a Lione è più peculiare. Questo per ragioni storiche: in seguito all’annessione dei comuni di La Guillotière, La Croix-Rousse e Vaise nel 1852, la città recentemente ampliata fu divisa in 5 arrondissement, che originariamente uscivano a spirale in senso antiorario dall’Hôtel de Ville (municipio); tuttavia, con l’espansione della popolazione della città, divenne necessario dividere alcuni arrondissement, dando origine al modello apparentemente casuale di oggi.

Situato al centro della penisola, il 1 ° distretto è il più piccolo di tutti i quartieri di Lione. Intorno a Place des Terreaux, bar e pub ne fanno uno dei quartieri più vivaci della città. Il 1 ° distretto di Lione è composto dai distretti:

Distretto di Pentes de la Croix-Rousse
Le pendici della Croix-Rousse formano uno dei due distretti situati sulla collina di Croix-Rousse e si trovano a cavallo del 1 ° e 4 ° arrondissement di Lione. Croix Rousse Le piste sono organizzate dalle piante del giardino di strada fino alla cima della collina, escludendo così l’area intorno al luogo sathonay lasciato nella parte pianeggiante del 1 ° distretto.

Il distretto di Pentes è aggrappato alla collina e quindi in forte pendenza. Diverse arterie sono chiamate esplicitamente “salite”: Montée de la Grand’Côte, Montée Saint-Sébastien, Montée des Carmélites, ecc. Nel 1862, la prima funicolare urbana al mondo fu messa in servizio tra rue Terme e boulevard de la Croix-Rousse ( funicolare di rue Terme). Nel 1891 fu messa in servizio una seconda funicolare tra Croix-Paquet e Croix-Rousse. La prima funicolare è stata trasformata in un tunnel stradale dopo la sua chiusura nel 1967. La seconda è stata integrata nella linea C della metropolitana di Lione. A causa della forte pendenza, è stato necessario installare una cremagliera sulla sezione tra le stazioni dell’Hôtel de Ville – Louis Pradel e Croix-Rousse, che è un caso unico al mondo per una metropolitana

Il quartiere ha diverse vestigia dell’epoca romana: a livello del Jardin des Plantes si trovano l’antico anfiteatro dei tre Galli, così come la strada romana o strada del Reno che un tempo collegava la città di Lugdunum – nome romano di Lione – alla Germania. Numerosi sono anche i traboule, passaggi tra edifici, a volte coperti e costituiti da rampe di scale, che sono infatti scorciatoie per arrivare in centro città, verso Les Terreaux. Le piste costituiscono un insieme dedicato ai pedoni con le sue strade strette, in pendenza o scale. Come nella Vecchia Lione, la ristrutturazione di questo vecchio quartiere (originariamente setoso) ha portato nuove popolazioni piuttosto giovani e orientate verso attività culturali

Il quartiere dei certosini
Il Chartreux è un quartiere situato nel 1 ° distretto della città di Lione, vicino al Clos Jouve, sull’altopiano della Croix-Rousse. Il distretto ospita l’Institution des Chartreux, un college privato e una scuola superiore.

I monaci della Certosa dello Spirito Santo di Lys che hanno lasciato al tempo della Rivoluzione, il loro convento della Croix-Rousse a Lione, hanno detto che Caroline Boudet M Choussy incontra alcune ragazze in questa ex Certosa. Con padre Furnion redigono gli statuti di una congregazione, riconosciuta dalla Chiesa nel 1824. La comunità cresce: è l’inizio della perpetua Adorazione del Sacro Cuore. Oggi il convento è l’attuale liceo privato Saint Jean-Baptiste de La Salle sul sito del Sacré-Coeur e ospita l’omonima chiesa, costruita nel 1803 e mai consacrata.

Patrimonio storico

Municipio di Lione
situato tra Place des Terreaux e Place de la Comédie, dove si affaccia sull’Opera. È classificato monumento storico dal 12 luglio 1886. Uno degli edifici storici più belli della città, è molto imponente (si affaccia su Place des Terreaux ma anche su Place de la Comédie; di fronte al Opera), il suo interno contiene molte ricchezze (che purtroppo possiamo vedere solo per pochi giorni, soprattutto durante le Giornate europee del patrimonio). Ospita anche uno dei più grandi carillon d’Europa. Si può solo contemplare la sua magnifica facciata che si affaccia su Place des Terreaux.

Place des Terreaux
La piazza Terreaux è una piazza situata nel 1 ° distretto di Lione, sulla penisola tra il Rodano e la Saona, ai piedi della collina della Croix-Rousse.

Cuore vivo della città, per molti lionesi è la piazza più bella della città con una cornice grandiosa: si riflettono le classiche facciate del Municipio, del Palais Saint-Pierre e la presenza della fontana dei “4 fiumi” di Bartholdi nei 68 getti d’acqua della piazza; riqualificato alla fine degli anni ’90 da Buren, si trova tra il centro della Presqu’île e il distretto di Pentes (Croix-Rousse).

Nel 1206, le associazioni di commercianti di Lione corsero dall’arcivescovo Renaud II de Forez, che non si conformò alla carta firmata nel 1195 violando gli accordi presi in materia di tasse sui beni. Per proteggere il villaggio di Saint-Nizier dal potere ecclesiastico, i borghesi di Lione decisero quindi di innalzare un muro ai piedi della collina di Saint-Sébastien (pendio della Croix-Rousse) e una torre sulla Saona per controllare il ponte della Borsa, che era l’unico passaggio tra Saint-Nizier e Saint-Jean (una parrocchia sul lato ovest della Saône, nella Vieux Lyon); de Forez intervenne con la forza delle armi nel 1208 e la pace tornò grazie all’intervento di papa Innocenzo III.

Tuttavia, Renaud de Forez ei suoi successori continuarono i lavori intrapresi dalla borghesia di Lione, al fine di proteggere la città da un potenziale attacco dei Dombes. Un nuovo muro di due metri di spessore e dieci metri di altezza è stato costruito tra la Saona e il Rodano. Lungo circa 500 metri, questo recinto era perforato da due porte difese da ponti levatoi (la Porte de la Pêcherie o Saône et la porte de la Lanterne) e protetto da dieci torri. Una passeggiata merlata e cinque capanne di pietra hanno permesso ai soldati di guardare in cima.

Il muro principale era separato da un fossato di 22 metri da un altro muro di due metri situato a nord. Nel XIV secolo fu aggiunta una terza struttura costruita nel pendio, poi, all’inizio del XV secolo, fu costruita una nuova struttura sulla collina di Saint Sébastien, costituita da un tumulo di terra protetto da torri di legno. In caso di assedio, il fossato, chiamato Terralia nova (Fossés di Terreaux) o Fossés de la Lanterne, poteva essere riempito d’acqua. Quest’ultimo è entrato quando necessario in una successione di bacini, chiamati canale Neyron, scavati lateralmente al Rodano.

In circostanze normali, i balestrieri, poi gli uomini di colubrina usavano i fossati come luogo di addestramento, prima sul lato della Saona, poi dal 1533 sul lato del Rodano.

Nel XVI secolo le mura crollarono. Nel 1538 iniziò la demolizione del recinto. Il fossato situato sul lato della Saona fu successivamente riempito per costruire la Boucherie de la Lanterne. Nel 1555, le suore del convento Saint-Pierre furono autorizzati a utilizzare le pietre del muro per riparare il monastero. Nel 1578 furono riempiti i terreni dell’attuale Place des Terreaux e nel 1617 l’ex fossato scomparve con lo sviluppo dei giardini del municipio su cui oggi sorge l’Opera. Tra il 1646 e il 1651, Simon Maupin costruì sul lato orientale della piazza l’Hôtel de ville de Lyon, ricostruito da Jules Hardouin-Mansart, dopo l’incendio del 1674. Nel XVII secolo, le monache di Saint-Pierre ricostruirono il loro convento, che divenne nel 1803 il Musée des Beaux-Arts de Lyon.

In questa piazza fu decapitato Henri Coiffier de Ruzé, marchese di Cinq-Mars, cospiratore contro Richelieu. Durante la rivoluzione francese, la ghigliottina è stata installata e funzionante a piena velocità durante il mandato di Marie Joseph Chalier. Dopo l’assedio di Lione, anche 79 persone furono decapitate. Nella seconda metà del XIX secolo, l’accesso al sito fu ampliato per accogliere il piano di ristrutturazione della penisola guidato da Claude-Marius Vaïsse. Nel 1855 fu aperto il passaggio di Terreaux tra la piazza e la via Lanterne. Il prefetto prevedeva anche di perforare una nuova strada nell’asse nord del Palais Saint-Pierre, ma questo progetto non fu mai realizzato.

Al centro della piazza, il 22 settembre 1891, i funzionari comunali inaugurarono una fontana allegorica della Saona, opera di Frédéric Auguste Bartholdi. Il gruppo scultoreo chiamato Char triomphant de la Garonne rappresenta la Garonna ei suoi quattro affluenti che saltano nell’oceano, tutti simboleggiati da una donna che guida una quadriga. Dopo l’Exposition Universelle del 1889, il monumento divenne troppo costoso per la città di Bordeaux e fu acquistato nel 1890 dal sindaco di Lione, Antoine Gailleton. La piazza è stata riqualificata nel 1994 dall’architetto e urbanista Christian Drevet e dall’artista Daniel Buren, includendo una rotazione ortogonale di 69 getti d’acqua allineati con 14 pilastri. Per realizzare il parcheggio sotterraneo della piazza, la fontana era originariamente collocata davanti al municipio,

Il 29 settembre 1995, la piazza è stata classificata come monumento storico. Durante il freddo inverno del 2012, la fontana situata in Place des Terreaux si è congelata.

Salita della Grande-Côte
L’ascesa della Great Coast o Grand’Côte è un percorso nel 1 ° distretto di Lione che collega il distretto Suoli in Plateau Croix Rousse, da cui il nome.

L’architettura più interessante della strada, composta da bei portali e archi, si trova nella parte meridionale della strada. A nord di rue Imbert Colomès, ci sono edifici in stile canuto del XIX secolo e quattro edifici degli anni ’70. Poi, prima di rue des Tables Claudiennes, ci sono una scuola del XX secolo e due vecchie case. Prima di rue Burdeau, ci sono case a due piani, e prima di rue Leynaud, case popolari di sei piani che sostituiscono case prima del 1988 e un parcheggio coperto; oltre, la strada è più stretta e fiancheggiata da una grande varietà di case antiche. A est, ci sono vecchie case da due a quattro piani, la più antica delle quali costruita all’inizio del XVI secolo.

Al n. 2 c’era una scultura romana. Al n. 89-90 c’era una statua di una Madonna col Bambino, ma il bambino scomparve nel 1902 e la Vergine cinque anni dopo. Al n. 100 le bifore furono realizzate nel XIII secolo. I marciapiedi furono aggiunti nel 1859. Le case sono classificate come patrimonio dell’umanità. Il Grand’Côte ha dato il nome alla Littré de la Grand’Côte, un dizionario sul linguaggio lionese scritto da Nizier di Puitspelu (alias Clair Tisseur).

Place Louis-Pradel
La piazza Louis Pradel è una piazza situata nel 1 ° distretto di Lione. Creato di recente, collega il centro cittadino, il municipio e Place des Terreaux alle rive del Rodano. Questa piazza è stata perforata nel denso tessuto urbano della Presqu’île durante i lavori della metropolitana, ampliando la rue Puits-Gaillot. La creazione di questa piazza è stata resa necessaria dalla decisione di far passare la metropolitana attraverso la struttura del nuovo ponte Morand. Ha anche fornito l’opportunità di costruire un parcheggio sotterraneo, il parcheggio Opéra.

Quai Saint-Vincent
Il Quai Saint-Vincent è un sentiero sulla riva sinistra della Saône nel 1 ° distretto di Lione, in Francia. Storicamente, è di grande importanza collegando i due più antichi poli di Lione nel centro della città e il distretto di Vaise. È la sede dell’immenso edificio delle sussistenze che fu a lungo utilizzato dall’esercito prima di diventare un luogo dedito alla cultura. All’inizio degli anni ’30, le rive del molo furono rilevate dai bagnanti, non senza opposizione. Su richiesta della sezione di Lione della Lega per il recupero della moralità pubblica (LRMP), il sindaco, Édouard Herriot, ha ordinato un’inchiesta pubblica, che ha concluso che i nuotatori apparivano “sufficientemente vestiti per i loro esercizi da non indossare alcun attacco in pubblico morale ”.

Patrimonio religioso
Chiesa di Saint-Bruno-les-Chartreux
Questa chiesa è sicuramente una delle più belle chiese di Lione, in stile barocco ha un magnifico baldacchino del Servandoni.

Chiesa di Saint-Polycarpe
Intrapreso dagli oratoriani nel 1665, fu completato nel 1670, ad eccezione della facciata, opera dell’architetto Toussaint-Noël Loyer, che risale solo al 1756.

Chiesa del Buon Pastore
Questa chiesa è dedicata al Buon Pastore, figura allegorica di Gesù, nel Vangelo di San Giovanni e nel Vangelo di San Luca. Si caratterizza per la sua porta inaccessibile.

Spazio culturale

Anfiteatro dei Tre Galli
L’Anfiteatro dei Tre Galli di Lugdunum (l’attuale città di Lione) fa parte del santuario federale dei Tre Galli dedicato al culto di Roma e di Augusto celebrato dalle sessanta nazioni galliche riunite a Lugdunum. I resti dell’anfiteatro sono stati classificati come monumenti storici dal 27 novembre 1961.

Affresco del Lyonnais
L’affresco di Lyonnais è un murale di 800 m 2, situato a Lione, in Francia. Rappresenta 24 personaggi storici di Lione e 6 personaggi contemporanei. È stato prodotto nel 1994-1995 da CitéCréation.

Museo di Belle Arti di Lione
Il Museo di Belle Arti di Lione è un museo municipale di belle arti nella città francese di Lione. Situato vicino a Place des Terreaux, è ospitato in un ex convento benedettino attivo nel XVII e XVIII secolo. È stato restaurato tra il 1988 e il 1998, rimanendo aperto ai visitatori per tutto questo periodo nonostante i lavori di restauro. Le sue collezioni spaziano dalle antichità egizie antiche al periodo dell’arte moderna, rendendo il museo uno dei più importanti d’Europa. Ospita anche importanti mostre d’arte, ad esempio le mostre di opere di Georges Braque e Henri Laurens nella seconda metà del 2005, e un’altra sull’opera di Théodore Géricault da aprile a luglio 2006. È uno dei più grandi musei d’arte in Francia.

Situato in Place des Terreaux, vicino a questo municipio di Lione, il Museo di Belle Arti ha una collezione molto bella di oggetti antichi e una notevole collezione di oggetti egiziani che nulla ha da invidiare ai musei delle principali capitali. Europeo. I pezzi gallo-romani sono esposti sulla collina di Fourvière, vicino al teatro antico. L’edificio in sé è un risultato architettonico molto bello situato in un ex convento benedettino, da non perdere con il suo refettorio e la sua scala barocca. Il giardino del museo (chiostro), un’oasi di pace nel cuore della città, è liberamente accessibile da Place des Terreaux o rue Édouard-Herriot.

Opera di Lione
Lo scopo dell’Opéra national de Lyon è promuovere l’arte lirica e la danza a Lione e nella regione del Rodano-Alpi, con influenza nazionale e internazionale, mediante strutture artistiche permanenti costituite da un’orchestra, un coro, un maestro, un balletto azienda e uno studio di integrazione per giovani professionisti. L’Opéra de Lyon presenta più di 400 spettacoli a stagione a Lione e in tournée, raggiungendo 200.000 spettatori.

Si trova in Place de la Comédie, di fronte al municipio. Costruito nel 1831 da Antoine-Marie Chenavard e Jean-Marie Pollet, è stato completamente ristrutturato e ampliato tra il 1989 e il 1993 da Jean Nouvel. Il progetto architettonico ha vinto il Prix de l’Équerre d’argent du Moniteur nel 1993. Ospita una sala per spettacoli principalmente assegnata all’Opera Nazionale di Lione, che presenta opere, balletti e concerti e che può ospitare 1.100 spettatori. È la residenza del balletto dell’Opéra de Lyon. L’Opéra de Lyon, sovvenzionata dalla città di Lione (60%), dal dipartimento del Rodano (10%), dalla regione Rhône-Alpes (10%) e dallo Stato (20%), ha un budget annuale di circa 35 milioni di euro . Nel 2011 l’età media degli spettatori era di 47 anni

Le sussistenze
In 7 anni, Les Subsistances ha inventato un nuovo tipo di luogo culturale. Per gli artisti, offrono un luogo e un tempo di residenza, supporto amministrativo, tecnico e finanziario adattato a ciascun progetto. Les Subsistances sta sviluppando un rapporto di compagnia con artisti e compagnie ospiti, estendendo la collaborazione oltre la presentazione dello spettacolo a supporto della distribuzione. A seconda del loro approccio artistico, la loro presenza varia sul sito (da due settimane a un mese o più) o si svolge in più fasi da una stagione all’altra.

Les Subsistances sta sviluppando nuove relazioni con il pubblico. Promuovono il confronto, la riflessione, la pratica artistica e il dialogo, inventando nuove forme di incontro coinvolgendo il pubblico in ogni fase della creazione: cantieri, dibattiti, prove pubbliche, Week_Ends della creazione, laboratori di pratica artistica. Dal 2007, la Scuola Nazionale di Belle Arti di Lione, Le Peuple de l’Herbe, Cap Canal, il “Pôle Enfance, Art et Langages” della città di Lione sono state installate sul sito .. Combinando un centro di formazione per arti visive e un centro professionale per la produzione di arti dello spettacolo, Les Subsistances è oggi un sito unico per la creazione artistica in Francia.

La biblioteca comunale
La Biblioteca municipale di Lione è composta da una rete di 16 biblioteche (la Biblioteca centrale Part-Dieu e 14 biblioteche e 1 mediateca presenti in tutti i distretti di Lione) e 3 librerie che servono direttamente quartieri o comunità per adulti o bambini (residenze per anziani, centri sociali, PMI, scuole, asili nido, ecc.). Le missioni del “BML” sono molteplici. Si va dalla conservazione e valorizzazione di un consistente patrimonio scritto e grafico (il più importante in Francia dopo quello del BnF), ad azioni di promozione del libro e della lettura nei quartieri “sensibili”, attraverso una forte attività di prestito (circa 3,6 milioni di prestiti all’anno), assistenza per ricerca documentaria, istruzione (soprattutto per studenti e scolari) e eventi culturali (mostre, convegni, laboratori di lettura o scrittura, ecc.

Tags: